Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Economia > Il nuovo Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese a Trieste

Il nuovo Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese a Trieste

L’ambasciatore, esperto di economia globale, è sembrato colpito dalla presentazione di Trieste fatta dal sindaco della città: “per la Cina, la città di Trieste riveste un ruolo molto importante in Adriatico”.

Altamente significativa e molto approfondita visita di presentazione, ieri nel Municipio di Trieste, del nuovo Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia, Signor Li Junhua, che è stato ricevuto nel tradizionale Salotto Azzurro dal Sindaco Roberto Dipiazza.

Con l’Ambasciatore Junhua il Sindaco Dipiazza si è lungamente intrattenuto, innanzitutto illustrando tutte le principali caratteristiche geo-politiche ed economiche della città e del territorio di Trieste, in particolare riguardo alle strutture portuali, agli importanti traffici ro-ro e petroliferi, la nuova piattaforma logistica, le peculiari opportunità consentite in tal senso dalla profondità dei fondali marini e dal recente forte sviluppo dei collegamenti ferroviari con l’Europa centrale e settentrionale, il traffico crocieristico sempre più consistente (anche per i crescenti problemi di Venezia), la vasta area del Porto Vecchio da ristrutturare e riusare, auspicabilmente, tra l’altro, anche quale “home port” della grande società MSC, la rilevante crescita del turismo e delle istituzioni scientifiche e di ricerca, la presenza di importanti società come Fincantieri e Generali, il livello della “qualità della vita” fra i più alti in Italia, e “oggi, soprattutto, la nuova, ulteriore grande speranza – ha detto Dipiazza – rappresentata dalla possibile concretizzazione della Nuova Via della Seta con l’Oriente e con la Cina in particolare, fatto che costituirebbe un volano ulteriormente determinante per una Trieste che già seppe essere, nel secolo scorso e sempre grazie ai traffici con il mondo intero e con l’Oriente in special modo, la terza città e il primo porto di un grande Impero, l’allora Impero d’Austria-Ungheria”.

“In ogni modo – ha detto il Sindaco Dipiazza rivolto all’Ambasciatore – il rapporto con la Cina è oggi molto importante per noi, ma altrettanto interessante può essere Trieste anche per il vostro grande Paese e per i suoi traffici verso l’Europa. Per questi motivi – ha concluso – noi vogliamo dare un grande sostegno all’amicizia Trieste – Cina e le nostre porte saranno massimamente aperte agli imprenditori e investitori cinesi!”

L’Ambasciatore Junhua, che vanta un’importante carriera diplomatica, anche nei principali organismi internazionali, ed è un esperto di economia  globale, ha mostrato un grande interesse per tutti i diversi aspetti illustrati dal Sindaco, ponendo molte, precise e approfondite domande su ogni punto. Specificando peraltro, subito dopo, di aver “già sentito molte buone cose sulla vostra città” e che “molte imprese cinesi stanno guardando verso Trieste”. Sottolineando poi, ancora, come “per la Cina, la città di Trieste riveste un ruolo molto importante in Adriatico, proprio per le sue speciali caratteristiche, e credo che altri amici cinesi, oltre a quelli di Shenzhen (con riferimento alla visita, di metà ottobre, di una delegazione della grande metropoli portuale, n.d.r.) verranno presto a Trieste!”, prefigurando con queste parole un futuro immediato davvero ricco di novità in questo senso.