Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Cultura > Il giurista Oliviero è il nuovo rettore dell’Università Perugia

Il giurista Oliviero è il nuovo rettore dell’Università Perugia

image_pdfimage_print

Maurizio Oliviero è stato eletto nuovo rettore dell’Università degli studi di Perugia per il periodo accademico 2019/2020 – 2024/2025.

Il giurista Maurizio Oliviero vince il ballottaggio e diventa nuovo rettore dell’Università degli studi di Perugia per il sessennio accademico 2019/2020 – 2024/2025. La sfida era tra lui e Franco Cotana, docente ordinario di Fisica tecnica industriale al dipartimento di Ingegneria. Maurizio Oliviero, 52 anni originario di Lioni (Avellino), è professore ordinario di Diritto Pubblico comparato presso il Dipartimento di Giurisprudenza, già direttore dell’Agenzia per il dirizzo allo studio universitario (Adisu) dal 2004 al 2017. Le votazioni, questa volta, lo hanno dato per vincitore, dopo che nella stessa occasione nel 2013 era stato sconfitto da Franco Moriconi. I risultati provvisori della votazione svoltasi ieri, con i seggi allestiti nell’Aula Magna di Palazzo Murena, danno Oliviero vincitore con 638,771 voti, contro i 491,487 ottenuti dall’avversario.

Al termine dello scrutinio, Oliviero ha fatto il suo ingresso in Aula Magna da vincitore. “La nostra è una grandissima Università e da domani la faremo ancora più grande, lo faremo insieme, in un clima rinnovato. Credo che questo Ateneo abbia una grandissima tradizione, ma avrà anche un grandissimo futuro”, ha detto il neo-eletto rettore. Oliviero ringrazia i giovani, e lancia un appello: “Metteteci passione, amore, coraggio: per questa Università, per il nostro Paese, perché i traguardi si raggiungono”. “I giovani devono vedere in me un esempio di incoraggiamento”, ha aggiunto. “Per pretendere un’Università migliore dobbiamo essere migliori noi stessi per primi. Con tutta l’onestà, l’onore, la responsabilità, mi rendo conto che di fronte a noi abbiamo una prova importante. Posso farvi una sola promessa metterò tutto il mio impegno affinché questa Università possa avere gli onori che merita, in Italia e in qualsiasi luogo del mondo”, ha concluso il Professore.