Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > I Borghi lucani si preparano a Wiki Loves Basilicata, il concorso fotografico di Wikipedia

I Borghi lucani si preparano a Wiki Loves Basilicata, il concorso fotografico di Wikipedia

Borghi Eccellenti Lucani si prepara per Wiki Loves Basilicata: “Anche quest’anno Basilicata Wiki con Luigi Catalani, supporta l’associazione Wikimedia Italia nell’organizzazione del contest”.

Presto la quarta edizione del concorso Wiki Loves Basilicata, l’edizione lucana di Wiki Loves Monuments, il più grande concorso fotografico del mondo, che utilizza la grande visibilità di Wikipedia per promuovere il patrimonio monumentale e ambientale dei grandi e piccoli Borghi. Lo annuncia in una nota Borghi Eccellenti Lucani. “Anche quest’anno Basilicata Wiki con Luigi Catalani, supporta l’associazione Wikimedia Italia nell’organizzazione del contest, che rappresenta una grande opportunità a costo zero per la promozione delle bellezze artistiche e paesaggistiche del territorio di Basilicata”. Ad oggi in Basilicata “hanno aderito 59 Comuni e tra loro vi sono molti dei borghi BEL (Bella, Brienza, Brindisi Montagna, Castelmezzano, Filiano, Grumento Nova, Guardia Perticara, Missanello, Pietrapertosa, Roccanova, Ruoti, San Severino Lucano, Sasso di Castalda, Vaglio, Vietri di Potenza), ma anche altri enti come la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata, il Polo Museale Regionale della Basilicata, la Provincia di Potenza, il Parco Gallipoli Cognato, il Consorzio ASI e il WWF, che hanno “liberato” complessivamente quasi 500 monumenti.

Il ruolo delle amministrazioni pubbliche è fondamentale. La legislazione italiana vigente richiede che i proprietari dei beni rilascino un’autorizzazione affinché le fotografie dei monumenti possano essere scattate e successivamente pubblicate su Wikipedia con licenza libera (D.Lgs. n. 42/2004, conosciuto come Codice Urbani, e D.L. n. 83/2014, convertito in legge 175/2014). Per tale motivo, per aderire al concorso è necessaria una delibera del Comune oppure una lettera di autorizzazione firmata dal legale rappresentante, da un dirigente o da un amministratore, contenente l’elenco dettagliato di tutti i monumenti liberati. Tutte le istruzioni sono disponibili sul sito del concorso. Il concorso ha avuto ampia eco sugli organi di stampa e ha suscitato interesse anche a livello nazionale per i numeri di fotografie, la quantità di “wikigite” e la percentuale di Comuni aderenti. Le foto vincitrici vengono esposte ogni anno in una mostra itinerante che fa il giro della penisola, e che quest’anno è stata inaugurata presso il Castello Sforzesco di Milano.