Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Perugia > Gioco d’azzardo patologico, la Regione Umbria vuole saperne di più

Gioco d’azzardo patologico, la Regione Umbria vuole saperne di più

L’Amministrazione dell’Umbria vuole sapere se la Regione soffre per il gioco d’azzardo patologico, e quanto. E’ richiesta la massima collaborazione da parte dei cittadini.

Attraverso una convenzione con l’Istituto di Fisiologia Clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IFC) di Pisa la Regione Umbria ha avviato uno studio sul tema del gioco d’azzardo, con l’obiettivo di comprendere quanto questo fenomeno sia diffuso e stimare la portata di eventuali problematiche associate, come il gioco d’azzardo patologico. Il nome di questo studio è GAPS: Gambling Adult Population Survey Gambling e viene realizzato attraverso questionari cartacei inviati per posta ad un campione di cittadini. Ai fini di questa indagine epidemiologica, CNR-IFC ha effettuato il campionamento randomizzato statisticamente rappresentativo di 27 Comuni dell’Umbria, e il Comune di Perugia è tra quelli selezionati.

Tra i residenti saranno sorteggiati i cittadini partecipanti ai quali, nel periodo Settembre-Dicembre 2019, saranno inviati a casa i questionari che dovranno essere compilati e restituirti al mittente, senza dover sostenere nessuna spesa. I questionari per l’indagine sono completamente anonimi. Si chiede la massima collaborazione per assicurare il buon esito del progetto. Per contrastare il fenomeno del Gioco d’Azzardo Patologico la Regione Umbria ha attivato il Numero Verde 800.410.902, totalmente gratuito attivo dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00.