Sei in: Home > Edizioni Locali > Genzano: dopo l’esplosione c’è rischio sciacallaggio

Genzano: dopo l’esplosione c’è rischio sciacallaggio

18 famiglie evacuate e ancora gravi le condizioni di Abbatini e della sua compagna.

Ancora gravi le condizioni di Alessandro Abbatini (figlio dell’ex calciatore Bruno “Schiccherò”) e della sua compagna, rimasti feriti nell’esplosione avvenuta nel loro appartamento a Genzano.

Alessandro Abbatini si trova nell’Ospedale Sant’Eugenio e riporta traumi, ferite ed ustioni su gran parte del corpo; è ricoverato in terapia intensiva.

Il Sindaco Daniele Lorenzon afferma che l’ufficio tecnico, insieme al personale di Engie, è a lavoro per monitorare la situazione: “Stiamo lavorando per evitare lo squallido fenomeno dello sciacallaggio delle case evacuate. Sarà mia premura informare la nostra comunità di ogni ulteriore aggiornamento. Vorrei esprimere la mia solidarietà a tutti i cittadini coinvolti da questo tragico incidente e rassicurarli che stiamo monitorando senza sosta l’accaduto per tutelare la sicurezza e la pubblica incolumità di tutti”.

Sono 18 le famiglie evacuate dall’edificio.

Shqiponja Dosti, l’assessore con delega ai servizi sociali, asserisce che: “Abbiamo messo in piedi una perfetta sinergia con le associazioni presenti sul territorio. 34 persone hanno trovato ospitalità presso le strutture ricettive e religiose locali, altre 6 hanno preferito appoggiarsi da familiari o amici. Ci stiamo impegnando per garantire a tutti loro i pasti giornalieri, adeguato vestiario e l’acquisto di farmaci laddove ce ne sia bisogno”.