Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Funerali Diabolik: cori da stadio e saluti romani

Funerali Diabolik: cori da stadio e saluti romani

Cori da stadio e saluti romani al funerale dell’ultrà ucciso al Parco degli Acquedotti.

Alla fine il funerale del capo ultrà Piscitelli è stato celebrato al Divino amore con un presidio di 300 agenti. La funzione è terminata alle 16:30, come imposto dalla questura.

Qualche urlo contro gli agenti della Mobile che hanno sbarrato con un cordone umano la strada d’uscita al parcheggio del santuario del Divino Amore. Ma c’era chi in piazza frenava: “Non cediamo alle provocazioni, non aspettano altro. Facciamolo per Fabrizio”.

All’ingresso del santuario è stata esposta un’enorme bandiera con la scritta rossa Diablo. Tutti i partecipanti hanno indossato t-shirt nere e gli occhi del celebre personaggio della Bonelli. Il tutto con la scritta Irriducibili Lazio.

Su qualche maglietta erano presenti delle varianti come: “Gli sciacalli possono pure banchettare sul cadavere di un leone, ma lui resta un leone e loro restano sciacalli”.

La stessa frase è stata scritta sulla bara. Rimane comunque la questione di chi siano il mandante e l’esecutore materiale dell’omicidio del capo ultrà, ucciso in quella che sembrerebbe una vera e propria esecuzione.