Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Friuli-Venezia Giulia, il primo giorno di richiesta RdC procede con tranquililtà

Friuli-Venezia Giulia, il primo giorno di richiesta RdC procede con tranquililtà

Da oggi si poteva inoltrare la richiesta per il reddito di cittadinanza. Si aspettava il caos alle poste, ma in Friuli-Venezia Giulia tutto tranquillo.

Oggi, mercoledì 6 marzo, era il primo giorno utile per inoltrare le domande per richiedere il tanto discusso reddito di cittadinanza. Si potevano richiedere su internet, presso i Caf e negli uffici postali. Ci si aspettava un’affluenza difficilmente gestibile alle Poste, e orde di persone in fila ai Caf Cisl. Tuttavia, in Friuli-Venezia Giulia non si è assistito ad alcuna coda, nonostante l’agenda piena di impegni. Il direttore organizzativo del Caf Cisl per Gorizia, Trieste e Alto Friuli, Giulio Arbanassi ha spiegato che le aspettative non hanno poi trovato riscontro nella realtà dei fatti. “Eravamo pronti a gestire un flusso anomalo di utenti, ma agli sportelli non sono state riscontrate difficoltà. Si sono presentate più persone del solito, ma non si sono formate code”, ha chiarito. “In questi giorni, soprattutto per la richiesta di compilazione Isee, anche finalizzata alla presentazione della domanda di reddito cittadinanza, gli appuntamenti sono aumentati del 20%”, ha aggiunto.

Una situazione simile si è ripetuta anche a Udine. Gli operatori del Caf Cisl locale hanno raccontato che “questa mattina all’orario di apertura c’erano già persone che attendevano il loro turno per spedire la domanda. E nel corso della mattinata il flusso è stato sempre regolare”. Già nelle prime ore della giornata sono stati fissati numerosi appuntamenti per i prossimi giorni, ma nessuna incontrollabile affluenza nella giornata di oggi. Anche a Pordenone il flusso si è mantenuto costante.