ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 3 Luglio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Formazione: Rosolen, ricerca applicata valore aggiunto in agricoltura

Pordenone, 23 mar – “La ricerca applicata diventa un valore
aggiunto sul quale puntare l’attenzione perché può dare
sicuramente nuova immagine ma soprattutto una maggiore efficienza
anche in un settore tradizionale come è quello primario”.

Lo ha detto oggi l’assessore regionale alla Formazione Alessia
Rosolen partecipando al workshop dal titolo “La transizione
digitale quale leva di sviluppo del settore agricolo” organizzato
da Telefriuli nell’ambito di Road to Agriest 2023.

In particolare l’esponente dell’esecutivo Fedriga nel suo
intervento ha voluto porre in risalto il grande sforzo che la
Regione sta compiendo in un territorio quale quello del Friuli
Venezia Giulia che si distingue a livello nazionale e
internazionale per i propri centri di eccellenza, affinchè i
risultati della ricerca possano “contaminare” contemporaneamente
più settori.

“La conoscenza più ampia possibile e trasversale – ha detto
Rosolen – è certamente un valore aggiunto che va applicato anche
al comparto agricolo. Stiamo lavorando molto per connettere la
ricerca e l’innovazione con il mondo della produzione, dando
input specifici affinchè questi processi vengano portati
all’interno dei percorsi formativi. Se è vero che l’evoluzione
del sistema produttivo anche in agricoltura passa attraverso una
migliore formazione e qualificazione del capitale umano, è
altrettanto vero che la conoscenza non deve essere settoriale;
una maggiore interdisciplinarietà permette infatti di cogliere
aspetti provenienti da altri ambiti ma che possono essere utili
ed applicati anche in quelli di propria competenza”.

In questo senso un posto particolare lo occupa la
digitalizzazione. “Nella programmazione del nuovo Fondo sociale
europeo – ha evidenziato Rosolen – prevediamo di dare grande
attenzione a questo tema con specifici percorsi formativi sia a
favore degli inoccupati sia per quanti hanno già un lavoro.
L’innalzamento del livello della formazione grazie alle nuove
competenze acquisite – ha concluso l’assessore regionale – è di
fondamentale importanza per il valore che viene dato al lavoro e,
di conseguenza, anche per l’aspetto legato alla sua retribuzione”.
ARC/AL/gg