Streaming
Sei in: Home > Edizione Nazionale > Finanza di Trento arresta il latitante Lumi Qerim: operazione internazionale antidroga ‘Alba Bianca’

Finanza di Trento arresta il latitante Lumi Qerim: operazione internazionale antidroga ‘Alba Bianca’

L’operazione aveva portato all’individuazione e alla denuncia di 40 narcotrafficanti

 

 

E’ stato arrestato Lumi Qerim, 41 anni, kosovaro, secondo dei tre latitanti investiti da mandato di cattura nell’ambito dell’operazione internazionale antidroga denominata “Alba Bianca”. L’arresto del latitante è opera della Guardia di Finanza di Trento, con la collaborazione della Squadra Mobile della Polizia di Stato di Treviso. L’operazione era stata eseguita nel settembre del 2018 dal Gruppo Operativo Antidroga (GOA) delle Fiamme Gialle di Trento e aveva portato alla scoperta di 40 narcotrafficanti, 30 dei quali colpiti da mandato di arresto. Vennero sequestrati 120 chili di droga, del tipo cocaina, eroina e marijuana, per un valore sul mercato illecito di oltre 20 milioni di euro, inoltre vennero confiscati 8 automezzi usati per il trasporto dello stupefacente e oltre 100.000 euro in contanti. L’operazione aveva colpito duramente i canali di rifornimento dello stupefacente dal Nord Europa all’Italia, sottolineando  l’importanza dell’asse del Brennero nei traffici internazionali.

Quando l’operazione “Alba Bianca” era stata conclusa, tre uomini che si trovavano all’estero non erano stati catturati dalle autorità estere pur avendo ricevuto il mandato di arresto europeo. La Finanza di Trento non ha mollato la presa e pochi giorni fa ha catturato Lumi Qerim, corriere e trasportatore dello stupefacente. L’uomo è stato fermato a Treviso mentre circolava a piedi per il centro cittadino. Era privo di documenti ma, portato in Questura per accertamenti, è stato identificato e arrestato. Il 41enne è stato accompagnato alle carceri di Treviso e rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria trentina.

Pichi giorni prima dell’arresto di Querim era stato intercettato a Londra Kelvin Kodra, 22enne albanese di origine, che con la collaborazione delle autorità britanniche è stato accompagnato in aereo fino a Verona e quindi passato in consegna ai Finanzieri del G.O.A. di Trento per essere scortato in carcere a Spini. All’appello manca ancora l’ultimo dei tre latitanti, un cittadino albanese.