Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Ancona > Falcone, Tribunale per eroi quotidianità

Falcone, Tribunale per eroi quotidianità

 

Nella giornata che ricorda il 27/o anniversario della strage di Capaci, il Palazzo di giustizia di Ancona ha dedicato la sua Corte interna ai giudici Giovanni Falcone, che morì nell’attentato del 23 maggio 1992 con la moglie Francesca Morvillo e tre poliziotti della scorta, e Paolo Borsellino deceduto il 19 luglio successivo in via D’Amelio dove un’autobomba uccise anche cinque agenti di scorta. L’iniziativa rientra in un evento più ampio: ci saranno in tribunale un convegno su mafia e stragismo e lo spettacolo “Paragoghè” (depistaggio). Alcune aule sono state intitolate, come ha spiegato il presidente del tribunale Giovanni Spinosa, a “eroi della quotidianità”, magistrati, avvocati, forze dell’ordine e giornalisti, che hanno dedicato la vita alla legalità, a volte con il sacrificio estremo. Il Palazzo è stato intitolato a Vittorio Salmoni, ascolano d’origine ebraica, ex presidente dalla Corte d’appello di Ancona, estromesso a seguito delle leggi razziali e reintegrato dopo la Liberazione.