ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 10 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Facevano prostituire minore tossicodipendente, arrestati

 

Per pagarsi la droga, una ragazza di 17 anni, si prostituiva in un appartamento messo a disposizione dai suoi spacciatori che le prendevano parte dei guadagni. Ma quando la giovane è andata in overdose i carabinieri hanno scoperto tutto e arrestato i suoi aguzzini.

In manette sono finiti padre e figlio, 68 e 33 anni, italiani, pregiudicati: il più giovane percepiva il reddito di cittadinanza che gli è stato revocato. I due sono accusati di spaccio di droga aggravato, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione minorile. Le indagini dei militari di Arenzano, coordinati dal pm Giuseppe Longo, sono partite a luglio 2020 dopo un intervento in un appartamento di via Novella, a Arenzano, dove la ragazza era in overdose e soccorsa era stata poi ricoverata. Dall’inchiesta è emerso che la ragazzina, con gravi problemi di tossicodipendenza, era stata convinta da un amico a prostituirsi per pagarsi l’eroina, già da quando aveva 16 anni. Aveva così aperto un canale su Telegram per fissare gli incontri che poi si svolgevano nell’appartamento messo a disposizione dei due arrestati noti ai consumatori di droga perché fornitori di metadone ed eroina. Una parte dei guadagni, hanno scoperto gli investigatori, veniva presa da padre e figlio per acquistare altra droga da consumare insieme alla vittima. La giovane è stata ricoverata diverse volte per overdose da eroina, l’ultima delle quali a fine agosto.