Sei in: Home > Edizione Nazionale > F1, a Sochi è doppietta Mercedes

F1, a Sochi è doppietta Mercedes

image_pdfimage_print

Solo un bronzo per la Ferrari, Hamilton vicinissimo al titolo

La Ferrari arrivata da favorita a Sochi non riesce a spezzare la tradizione che vuole la Mercedes sempre vincente nel Gp di Russia. Guasti, errori e sfortuna le confezionano una beffa inattesa e così è servita la doppietta per il team rivale, con Lewis Hamilton che vince l’82/a gara in carriera e con 322 punti prenota il suo sesto titolo mondiale. Una gran delusione per il Cavallino, che il terzo posto di Charles Leclerc lenisce appena dopo le tre vittorie inanellate tra Spa, Monza e Singapore, per il monegasco, perplesso anche per quanto avvenuto in pista con Sebastian Vettel, e soprattutto per il tedesco, appiedato dalla sua SF90 appena dopo il pit stop a metà gara.

Tutto il lavoro fatto a Maranello che aveva portato al riscatto dopo la sosta estiva viene messo ancora in discussione da un problema di affidabilità, con l’unità elettrica del propulsore di Vettel che si ammutolisce dopo il pit stop, al 28/o giro. L’inevitabile ritiro determina la virtual safety car e le Mercedes passano davanti dopo la sosta ai box, vanamente poi inseguite da Leclerc che troppo tardi decide un secondo pit per tentare l’assalto finale. E dire che fino a quel momento le Rosse andavano come orologi, conducendo la gara senza sforzo anche se non senza qualche tensione.

La strategia prevedeva che Leclerc dalla pole concedesse la scia a Vettel, dietro a lui in griglia, per passare Hamilton. Il tedesco supera entrambi, si porta al comando e allunga tanto da non farsi risuperare dal compagno di squadra, nonostante i richiami. Al muretto chiamano così ai box Leclerc al 23/o giro, tardando invece il pit di Vettel, cosa che consente al monegasco di riprendersi la leadership. Tutto sembra portare ad una comoda doppietta, poi l’improvviso patatrac spezza ogni sogno di gloria, facendo sorridere Hamilton e soprattutto Toto Wolff, il team manager Mercedes spiazzato dall’improvviso dominio delle Rosse.