Emergenza coronavirus: il Comune invita ad adottare il vicino anziano

Adottare’ il vicino di casa anziano che abita solo affinché in questo
periodo di emergenza causata dal Coronavirus possa trovare un sostegno
nelle persone amiche che vivono nei pressi della sua abitazione: è
questo lo spirito con cui è nata la campagna ‘Vicino a un anziano’,
pensata dall’assessorato a Welfare del Comune guidato da Andrea Vannucci
e realizzata con la collaborazione di Confassociazioni Toscana,
ConfArtAmministratori, Associazione nazionale amministratori di immobili
(Anammi), Gesticond (Libera associazione nazionale amministratori
immobiliari), Confedilizia, l’azienda Barbagli, attiva nella produzione
di contatori di luce, acqua e gas, società Firenze acqua, che opera in
Toscana nel settore dei servizi di contabilizzazione divisionale dei
consumi idrici ed energetici, Casa spa, sindacato degli inquilini Sunia e
progetto Polis (Percorsi di orientamento al lavoro e inclusione
sociale). Questi soggetti aiuteranno il Comune nel diffondere
informazioni sulla campagna ‘Vicino a un anziano’ e lo faranno ognuno
nel proprio contesto di riferimento: ovvero condomini pubblici e
privati.

“Gli anziani che vivono soli hanno un enorme bisogno di sostegno – ha
detto l’assessore Andrea Vannucci -, bisogno crescente in questi giorni
particolarmente difficili e complicati per la salute di tutti”. “La
nostra campagna – ha spiegato l’assessore – nasce con l’obiettivo di
invitare coloro che in questi giorni sono costretti a stare a casa da
lavoro a rendersi utili, facendo qualcosa per aiutare gli anziani soli.
Piccoli gesti, come fare per loro la spesa o una commissione oppure una
telefonata, ma che per i nostri anziani hanno un grande valore e una
grande utilità”. “Vorrei ringraziare tutte le realtà che hanno creduto
nella nostra campagna – ha continuato Vannucci – e hanno deciso di
aderire dando un prezioso supporto nel diffondere l’iniziativa. Il loro
aiuto è prezioso perché ci permetterà di far conoscere ‘Vicino a un
anziano’ a  tante persone”. “Se altri soggetti hanno voglia di aderire
alla nostra campagna sono i benvenuti – ha concluso l’assessore -. Più
siamo, più ampia e capillare sarà la diffusione della campagna e
maggiore sarà l’aiuto che la città potrà dare agli anziani. Questa
emergenza va combattuta tutti insieme e ogni gesto di solidarietà, anche
il più piccolo, potrà aiutare la nostra comunità a resistere e a
uscirne al meglio”.

L’assessore Vannucci fa un appello ai fiorentini: “Segnalateci i casi
di anziani soli che vivono in situazioni di criticità affinchè possiamo
intervenire con i nostri Servizi sociali per dare loro un aiuto”.

Sono diversi gli aiuti che si possono dare a un nonno solo attraverso la campagna ‘Vicino a un anziano’: si può  chiamare a telefono per farlo sentire meno solo oppure si può aiutare facendogli la spesa o altre piccole commissioni.