Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Campobasso > Edilizia, è crisi nera: «Niente fondi post sisma e addetti dimezzati»

Edilizia, è crisi nera: «Niente fondi post sisma e addetti dimezzati»

L’Acem (Associazione dei Costruttori Edili Molisani) ha tracciato il bilancio del 2019 segnato da una crisi profonda da cui il settore non riesce ad uscire nonostante i proclami e le promesse della politica. Durante la conferenza stampa, tenutasi nella sede dell’associazione, sono state comunicate alcune cifre che descrivono più precisamente il momento negativo come il monte salari e gli addetti in calo del 50% con le imprese che, quando va bene, si spostano a lavorare fuori regione in cui la comunicazione con la classe dirigente è assente. Basti pensare alla mancata riscossione dei fondi per la ricostruzione post sisma previsti per fine anno e alla lentezza dei pagamenti per gli appalti.

Tuttavia, nel 2019 l’Acem ha lavorato alla costituzione di un raggruppamento di imprese per partecipare a gare per lavori di importo elevato, al progetto “RinnovaMenti” con Ial-Cisl e Sicurform per politiche di inserimento nel lavoro e alla partecipazione a seminari sullo “Sblocca-cantieri”, oltre ad incontri istituzionali muovendo obiezioni al decreto fiscale sui Cis e chiedendo l’aggiornamento del prezziario delle opere edili fermo al 2017. Per il presidente dell’associazione, Danilo Martino, «si registra, nel complesso, la mancanza di flussi economici sul territorio che non consente di assumere, ma bisogna rimanere positivi e guardare avanti – ha concluso – sperando che le istituzioni prendano in considerazione le nostre grida di allarme».