Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Due stranieri dediti a furti sono stati allontanati dal territorio nazionale

Due stranieri dediti a furti sono stati allontanati dal territorio nazionale

I due, cittadini di origini rumene, sono stati accompagnati alla frontiera italo-slovena dopo aver commesso alcuni furti a Pordenone.

Nel pomeriggio di ieri, martedì 12 novembre, su disposizione del Questore della Provincia di Pordenone dott. Marco Odorisio, due cittadini rumeni, un uomo ed una donna, rispettivamente di 41 anni e di 24 anni, dichiaratisi residenti in Germania, sono stati allontanati dal Territorio Nazionale con accompagnamento alla frontiera italo-slovena. Infatti, nella mattinata di lunedì 11 novembre, una Volante della Polizia notava in viale Venezia un’autovettura Opel Astra SW con targa tedesca, condotta da un uomo, con a fianco una donna.

Gli Agenti intimavano l’alt all’autovettura, generalizzando gli occupanti, per l’appunto due cittadini rumeni, i quali riferivano di essere giunti in città per far visita a dei conoscenti, senza dare ulteriori indicazioni ed assumendo un atteggiamento reticente. Durante il controllo, la donna tentava di nascondere la propria borsa sotto il sedile dell’auto, ragione per cui i poliziotti, avvedutisi dell’azione maldestra, controllavano il contenuto, rinvenendo la somma in contanti di 1.500 euro, somma della quale i due non erano in grado di spiegare la provenienza.

Veniva quindi approfondito il controllo sull’auto, rinvenendo, occultati nel vano porta oggetti, due piccoli congegni dotati di scheda elettronica e microprocessore per l’analisi e la cattura dei codici, dispositivi questi utilizzati per l’appunto per la perpetrazione dei furti. Gli Agenti, inoltre, individuavano nelle sembianze della 24enne rumena, la descrizione dell’autrice di un tentativo di furto avvenuto domenica 10 novembre scorso a Pordenone, in occasione del quale tre giubbini di marca del valore di 1.500 euro erano stati privati delle placche antitaccheggio e riposti in una borsa per essere rubati. La coppia veniva quindi accompagnata in Questura e la donna veniva persino riconosciuta dai commessi del negozio come autrice del tentato furto di capi di abbigliamento.

Sussistendo quindi i presupposti di legge, veniva disposta l’espulsione dal Territorio Nazionale, con divieto di far rientro in Italia per tre anni e il Questore della Provincia di Pordenone emetteva a carico dei predetti i decreti di allontanamento immediato dal Territorio Nazionale con accompagnamento coattivo. La coppia veniva quindi accompagnata nella giornata di martedì 12 novembre da personale della Questura di Pordenone dinnanzi ai Giudici del Tribunale di Trieste – Sezione Specializzata, che convalidavano il provvedimento del Questore. Al termine quindi dell’udienza di convalida, i due rumeni, cittadini comunitari, sono stati accompagnati dai poliziotti della Questura di Pordenone al confine italo-sloveno di Fernetti ed allontanati dal Territorio dello Stato.