Breaking News Streaming
Sei in: Home / Articoli / Cronaca / Due interventi per violenza contro le donne nella giornata internazionale contro la violenza di genere

Due interventi per violenza contro le donne nella giornata internazionale contro la violenza di genere

Domenica 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la Polizia di Busto Arsizio ha arrestato un uomo che spaventava l’ex e hanno fermato uno stalker.

Gli agenti del Commissariato di Busto Arsizio sono intervenuti in due casi di violenza da part di due uomini contro le ex compagne, proprio nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, domenica 25 novembre. Il primo caso ha richiesto l’azione degli agenti specializzati nei reati contro le cosiddette “fasce deboli”, contro uno stalker, a cui è stata notificata una misura cautelare di divieto di avvicinamento all’ex moglie. L’uomo, infatti, un italiano di 37 anni, metteva in atto da tempo una vera e propria persecuzione contro l’ex, per la mancata accettazione della fine del rapporto. La violenza sfociava talvolta in aggressioni fisiche, anche a causa dell’abuso di sostanze alcoliche. Già nel 2015, tra l’altro, lo stalker era stato arrestato e condannato per lo stesso reato, ma il provvedimento giudiziario non l’ha scoraggiato nelle sue violenze.

Un secondo caso, poi, si è verificato alle 3.30 circa della notte tra sabato e domenica. Gli agenti della volante sono intervenuti presso la casa di una donna spaventata dal suo ex compagno che colpiva la porta dell’abitazione con i pugni, chiedendo di entrare. Gli agenti sono giunti sul pianerottolo e hanno trovato l’uomo, un italiano di 42 anni con precedenti, che urinava contro l’uso della porta. I poliziotti hanno notato nell’uomo un forte stato di agitazione, dovuta in parte al palese abuso di alcol. L’uomo pretendeva di entrare nella casa dell’ex e non voleva dar retta agli agenti. Si è infatti scagliato contro i poliziotti, colpendone uno al volto con una gomitata e mordendo la mano dell’altro, mentre minacciava entrambi di morte. Su di lui pendeva già una denuncia per atti persecutori, e gli agenti lo hanno arrestato con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.