Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Diversi arresti eseguiti dalla Questura di Udine, alcuni anche residenti all’estero

Diversi arresti eseguiti dalla Questura di Udine, alcuni anche residenti all’estero

Intensa attività degli agenti della Questura di Udine che continuano imperterriti a eseguire i provvedimenti di arresto emessi da Procure e Tribunali.

La Questura di Udine, tramite l’attività di ricerca operata efficacemente dalla Squadra Mobile, continua nella sua azione finalizzata all’esecuzione dei provvedimenti emessi dalle Procure e Tribunali, riguardanti soggetti condannati o destinatari di misure cautelari; nelle ultime due settimane, l’Ufficio di Udine ha dato attuazione a diversi provvedimenti restrittivi, fra cui:

3 ordini di carcerazione:

– F. C., donna della Sierra Leone, 43 enne, che deve scontare un residuo pena di anni 11 mesi 4 e giorni 28 di reclusione, per una condanna, inflittagli dal Tribunale di Santa Maria Capua a Vetere (Ce) per reati di sfruttamento/favoreggiamento della prostituzione e tratta di esseri umani. Gli eventi in questione, avvenuti nel periodo compreso fra il 2007 ed il 2009, in provincia di Caserta, hanno visto la donna partecipare ad un sodalizio criminale, che costringeva giovani donne a prostituirsi in strada, subendo soprusi psicologici e fisici. Di seguito la donna si era trasferita in questa provincia dove è stata rintracciata;

– G.F., 28enne afghano, dovrà scontare la pena di anni 3 per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina di otto connazionali, fatti occorsi nel 2013, nella zona confinaria di Trieste, quando veniva sorpreso alla guida di un mezzo con a bordo i clandestini. Lo straniero era residente a Udine da numerosi anni;

– J.S., 37enne cittadino italiano, dovrà scontare 4 anni e mesi 10 di reclusione per resistenza e lesioni a pubblico Ufficiale. In particolare, si tentava di opporsi con forza all’arresto da parte della forze dell’ordine.

2 provvedimenti di detenzione domiciliare, applicati nei confronti di:

–  C.L., 57enne cittadino italiano, di origine rom, condannato alla pena di anni 1 e mesi 2, per un furto avvenuto alcuni anni orsono, in danno di una abitazione;

– N.A., kosovaro di 48 anni, che deve scontare 2 anni e 7 mesi  di reclusione per fatti accaduti nel 2017, quando veniva trovato in possesso di 5 kg di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Inoltre sono state condotte le seguenti attività di Polizia Giudiziaria:

– E’ stato rintracciato e carcerato A. K. un cittadino italiano 31 enne, di origine albanese, ricercato dalle Autorità tedesche che ha emesso il Mandato di Arresto Europeo, in quanto condannato in quel paese per alcuni furti avvenuti in quella nazione nel 2017 in abitazioni e pubblici esercizi. Il giovane, residente in questo centro da diversi anni, è stato rintracciato e successivamente collocato presso il carcere di Udine e messo a disposizione della Corte D’Appello di Trieste per le determinazioni correlate alla sua eventuale estradizione.

– Nella giornata del 1 ottobre personale di questo Ufficio, in collaborazione con quello della Polizia di Frontiera di Roma Fiumicino, ha dato esecuzione all’ordine di carcerazione, emesso in data 30.11.2015, dalla  Procura della Repubblica di Udine, nei confronti del 60 enne cittadino ivoriano D.M.. La condanna alla pena di anni 1 mesi 6 di reclusione è stata emessa a seguito della sentenza del Tribunale di Udine per reati in materia di falsità materiale, relativamente ai fatti occorsi il 03.07.2009, quando veniva identificato nell’ambito di una nota manifestazione che si svolgeva a Osoppo, in possesso di una carta di identità italiana falsificata, dichiarando nella circostanza di essere cittadino senegalese. A seguito del provvedimento di condanna, le indagini esperite da questa articolazione investigativa, con il concorso della Direzione Centrale della Polizia Criminale, Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, permettevano di rintracciare il condannato in Francia, alla periferia di Parigi, dove nel mese di maggio u.s., veniva  tratto in arresto a seguito del Mandato di Arresto Europeo emesso dalla Procura di Udine. L’uomo è stato associato presso la Casa Circondariale di Civitavecchia (Rm).