Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Delitto Piscitelli: annullato il funerale

Delitto Piscitelli: annullato il funerale

È stato annullato il funerala dell’ultrà romano perché la famiglia ha disertato.

La famiglia di Piscitelli non si è presentata al funerale come segno di protesta contro la decisione del questore di avere una cerimonia strettamente privata.

La moglie e le figlie di Piscitelli sono andate a Tor Vergata, dove è stata riconosciuta la salma. La sorella Angela ha dichiarato che: “La salma di mio fratello sta all’istituto di medicina legale del policlinico di Tor Vergata e anche ieri la questura ci ha assicurato che rimarrà lì nella disponibilità della famiglia. Io sono intenzionata a far valere, con tutti gli strumenti che mette a disposizione la legge, il diritto di mio fratello ad avere un funerale, semplice e composto, in una normale parrocchia”.

La famiglia, inoltre, ha deciso di rivolgersi alla Corte di Strasburgo. La sorella ha spiegato che: “Il questore deve aver fatto una scelta in base al suo pathos creando un allarmismo che non era presente né nella famiglia, né nella tifoseria o nella la cittadinanza in generale. Per questo adesso dovrebbe riflettere sull’opportunità di questa scelta. Si sa che a un funerale vanno amici, parenti. Non so se è una scelta giusta perché era intenzione degli amici di Fabrizio presenziare alle esequie”.

Questa mattina al cimitero c’era solo una donna che ha detto: “Sono qui per rendere rispetto a Fabrizio Piscitelli anche se non sono una tifosa della Lazio. Nessuno merita di morire così”.