Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Dado picchiato da ex della figlia: il suo appello allo Stato

Dado picchiato da ex della figlia: il suo appello allo Stato

 

Il comico Dado, picchiato dall’ex fidanzato della figlia, è tornato a parlare dell’aggressione subita venerdì ai microfoni dell”Adnkronos’.

Queste le sue nuove dichiarazioni a proposito dell’aggressionesubita: «Stamattina, dopo ciò che è successo, ho chiesto alla polizia di Stato di scortare me e mia figlia a scuola e la richiesta, per oggi, è stata esaudita. Nonostante l’aggressione, a cui hanno assistito diversi testimoni, i verbali della polizia e il referto medico, nei confronti di questo ragazzo non è stato ancora preso alcun provvedimento. Il bullismo, quindi, rimane impunito».

Il comico ha, poi, aggiunto: «Bisogna pretendere che lo Stato sia presente e sia accanto alle vittime di violenza. Mia figlia è molto spaventata delle conseguenze che ci potrebbero essere dopo quello che è successo, anche perché il linguaggio usato da questo ragazzo è lo stesso di “Gomorra” e “Suburra”. Tra l’altro il bullo si vanta di essere amico dei Casamonica e di aver girato con loro un video, anche se non so di cosa si tratti. La preside dell’istituto scolastico mi ha detto che al massimo può convocare un consiglio. Sto ancora decidendo cosa fare e come muovermi, mi auguro che lo Stato intervenga al più presto».

Dado, come da lui stesso dichiarato all”Adnkronos’, ha riportato «il setto nasale fratturato» ed è stato dimesso «con una prognosi di 30 giorni».

Dado ha raccontato così all”Adnkronos’ il momento dell’aggressione: «Poco prima di venire sotto casa mia, il ragazzo aveva inviato a mia figlia un sms dove le diceva che sarebbe passato a restituirle i regali. Lei aveva risposto che poteva pure bruciarli. Lui è venuto lo stesso e, quando sono sceso, prima mi ha minacciato e poi ha tentato di investirmi con la minicar. Infine, mi ha dato un pugno dal finestrino in pieno viso e è andato via».