ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
giovedì 30 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Cultura: Gibelli, a Milo De Angelis il premio Umberto Saba

La manifestazione, voluta da Regione e Comune di Ts, è giunta
alla sua 2. edizione
Trieste, 21 mar – “Usiamo spesso la frase, silenzio
assordante, ma il silenzio è invece frontale, ci arriva e ci
finiamo contro. E’ un’espressione del maestro De Angelis che oggi
premiamo e che mi ha colpito in modo particolare anche perché
rappresenta un sentimento che stiamo vivendo guardando al dramma
che si consuma non lontano da noi”.
L’assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, ha aperto
oggi la cerimonia di consegna del Premio Umberto Saba (giunto
alla 2. edizione), al Politeama Rossetti di Trieste, assieme al
vicesindaco del Comune di Trieste, Serena Tonel, con questa
citazione. Un omaggio al poeta, saggista e traduttore De Angelis
a cui oggi, nella giornata mondiale della poesia, è stato
consegnato il premio. Il riconoscimento, voluto e promosso dalla
Regione Friuli Venezia Giulia e dal Comune di Trieste, è
organizzato dalla Fondazione Pordenonelegge.
Gibelli ha evidenziato la capacità espressa dal vincitore nella
versione del De Rerum natura di Lucrezio: “tradurre la scienza
dalla poesia alla prosa – ha detto l’assessore regionale – deve
essere stato un lavoro estremamente impegnativo per De Angelis,
il quale si è cimentato con un autore che insieme a Sofocle è
stato uno dei miei preferiti durante gli studi liceali”
“Con il conferimento a Milo De Angelis – ha aggiunto l’esponente
della Giunta Fedriga – il Premio Umberto Saba si conferma punto
di riferimento a livello nazionale per la poesia. Un genere,
quest’ultimo, che nella nostra epoca tende ad essere poco
valorizzato, ma che ha la capacità unica di regalarci emozioni e
di percepire gli stati d’animo degli autori. È il caso della
raccolta di De Angelis “Linea intera, linea spezzata” che ci fa
immergere in una realtà urbana cupa e solitaria ma, allo stesso
tempo, colma di ricordi legati a persone e luoghi del cuore della
sua città, Milano. Leggendo la sua opera, possiamo rivivere le
stesse emozioni dell’autore, proprio come fece Umberto Saba
descrivendo nelle sue poesie la bellezza di Trieste”.
Gibelli ha ringraziato la giuria, “scegliere un’opera è sempre
molto difficile”, nonchè Pordenonelegge, il teatro Rossetti per
l’ospitalità e il Comune di Trieste.
Tonel ha evidenziato l’importanza del Premio Saba che rende onore
alla città, da sempre fucina di insigni letterati. Un Premio
ancor più apprezzato nell’ambito della prestigiosa candidatura di
Trieste a “Città della Letteratura” che va ad accrescerne la
valenza e il significato e che intende stimolare nelle nuove
generazioni il senso poetico, attraverso il quale promuovere una
conoscenza approfondita del linguaggio e la creatività delle
modalità espressive.
All’unanimità la Giuria, composta dai poeti Claudio Grisancich
(presidente), Franca Mancinelli, Antonio Riccardi e Gian Mario
Villalta e dal critico letterario Roberto Galaverni, ha
riconosciuto nella raccolta “Linea intera, linea spezzata” di
Milo De Angelis, pubblicata da Mondadori nel 2021, una delle voci
in assoluto più apprezzate e riconosciute nel panorama della
poesia italiana contemporanea.
“Un libro autenticamente necessitato, dal primo all’ultimo verso
– spiegano le motivazioni – per la continuità dell’impegno
poetico, per la moralità profonda e non negoziabile della
scrittura, per la qualità della sua poesia”.
ARC/LP/al