ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 25 Settembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Crisi del comparto agroalimentare, l’allarme dei produttori

Crisi del comparto agroalimentare, l’allarme dei produttori

Audizione in commissione Agricoltura e ambiente, Aspal: aumento costo carburante e siccità ci stanno dando il colpo di grazia.

Un campo agricolo. 02/08/2022 – Dai produttori agricoli arriva un vero e proprio grido di allarme e una richiesta di aiuto nei confronti della Regione e del governo nazionale. Questo il centro dell’audizione che si è svolta oggi in commissione Agricoltura e ambiente del Consiglio regionale.

“Siamo in piena emergenza – hanno spiegato i rappresentanti dell’Associazione produttori agricoli del Lazio (Aspal) – i costi del gasolio agricolo e dell’acqua per irrigazione sono raddoppiati. Bisogna intervenire sui prezzi, siamo sottoposti a speculazioni inaccettabili. Manca la mano d’opera, serve un’opera di formazione per il personale agricolo, bisogna semplificare le assunzioni, con agevolazioni fiscali per il lavoro stagionale. Chiediamo un sistema assicurativo per proteggere il reddito aziendale dalle calamità e dai danni da fauna selvatica, bisogna cambiare i criteri di attribuzione dei fondi del Programma di sviluppo rurale, quelli attuali favoriscono le grandi lobby. Infine, chiediamo un serio piano di abbattimento dei cinghiali e la sterilizzazione nelle aree protette”.

“Servono risposte normative – ha replicato l’assessorato regionale – come, ad esempio, una riforma del lavoro nel settore agricolo e serve un aumento dei fondi a disposizione per quanto riguarda le calamità naturali, i fondi nazionali coprono meno del 10 per cento dei danni stimati. Dobbiamo mettere in campo un’importante opera di prevenzione: nel Lazio abbiamo meno del 3 per cento di prodotto assicurato. Per quanto riguarda l’abbattimento dei cinghiali, la diffusione della peste suina può almeno diventare un’occasione per accelerare. Servono misure nazionali più incisive per contenere il caro carburanti, continueremo a fare la nostra parte nella conferenza Stato-Regioni. Essenziale il tema delle fonti rinnovabili e, con i parchi agrisolari, e del recupero energetico”. A cura dell’Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio