Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Covid Latina, Valletta (Lega): “Il sindaco chiuda i negozi a Pasqua e Pasquetta”

Covid Latina, Valletta (Lega): “Il sindaco chiuda i negozi a Pasqua e Pasquetta”

image_pdfimage_print

 

Alcuni comuni della provincia di Latina hanno disposto la chiusura delle attività commerciali nei giorni di Pasqua e Pasquetta. Per ora però il sindaco di Latina non ha preso la stessa decisione. E’ Valletta della Lega a chiederlo.

Sermoneta, Cisterna, Terracina e tantissimi altri Comuni si stanno aggiungendo attuando quella che ritengo una decisione non solo sensata, ma mirata a ridurre concretamente la possibilità di contagi da Covid 19 nella nostra comunità. Mi riferisco alla decisione di firmare un’ordinanza sindacale con la quale si chiudono tutti i negozi alimentari nei giorni di Pasqua e Pasquetta.

Una scelta che, contestualmente, consentirebbe a tutti coloro che, in queste settimane di emergenza legata al Coronavirus, hanno sacrificato se stessi e la propria famiglia lavorando ogni giorno per assicurare l’approvvigionamento di beni essenziali alle persone, di dedicarsi ai propri cari.

Peccato constatare, come al solito ormai, che a Latina, nella città capoluogo di provincia il sindaco Damiano Coletta non abbia ancora preso spunto da quanto celermente fatto dai propri collegi raccogliendo tra l’altro le richieste formulate in questo senso anche dalle associazioni di categoria e dai sindacati.

La chiusura dei negozi rappresenterebbe un deterrente per chi è intenzionato a venire a Latina, nonostante le restrizioni in atto, magari per trascorrere un weekend nella seconda casa e, contestualmente, darebbe maggiore spazio alle forze dell’ordine per effettuare i controlli sul territorio. In un momento così difficile per tutti il compito di una buona amministrazione dovrebbe essere quello di prevenire nuove emergenze e di far sentire, concretamente, il proprio sostegno a tutti i cittadini. Evidentemente Coletta ed Lbc sono come si direbbe in gergo in altre faccende affaccendati. Confidiamo che, seppure last minute, un’ordinanza in tal senso arrivi nelle prossime ore”.