Sei in: Home > Edizioni Locali > Bari > Covid: 18 contagi in Rsa a Bari, si amplia il focolaio a Polignano

Covid: 18 contagi in Rsa a Bari, si amplia il focolaio a Polignano

 

Diciotto persone, tra personale sanitario e pazienti, sono risultate positive al Covid-19 nella Rsa ‘Oasi Santa Fara’ di Bari. Sono stati disposti tamponi a tappeto su tutti gli anziani ospiti e i dipendenti. Si ampliail focolaio a Poligano: da 90 a 101 persone contagiate. In un centro di accoglienza in Toscana sono 17 i contagiati. In Sardegna sono stati chiusi una scuola, una caserma – dopo che un forestale è risultato positivo – e una sezione di un seggio per un malore sospetto di uno scrutatore. Scuole chiuse a Piana degli Albanesi (Palermo).

Questi gli aggiornamenti nel dettaglio:

Focolaio a Polignano, 101 casi: obbligo di mascherina – Sale a 101 il numero dei residenti contagiati a Polignano, rispetto ai 90 dello scorso 17 settembre. Si tratta di positività legate al focolaio all’interno dell’azienda Sop che l’Asl Bari ha comunicato di aver circoscritto. Per questo motivo è stata prorogata l’ordinanza che obbliga ad indossare sempre la mascherina quando si è fuori dalle proprie abitazioni e che impone a tutti gli esercizi commerciali di chiudere le attività non oltre le 00:30.

In un centro di accoglienza nel Pisano 17 casi – Diciassette ospiti, tutte donne, di un centro di accoglienza di Bientina, nel Pisano, sono positive al Covid e sono già state trasferire in alberghi sanitari di Pisa e Livorno. La notizia è stata riportata dalla stampa locale e confermata dalla Asl Toscana nord ovest. La struttura dove si è verificato il cluster, assicurano dal Comune, “si trova in una zona isolata e fuori dal centro abitato e non ci sono rischi per gli abitanti del paese”. “Ora – spiega il sindaco di Bientina, Dario Carmassi – il centro di accoglienza è vuoto ed è già stato sigillato e sanificato dalla cooperativa che lo gestisce per conto della prefettura”. Il Cas, attivo da circa un anno e mezzo, ospita solo migranti donne, per lo più di origine nigeriana. Sono allo studio le cause che possano avere determinato il cluster, ma non vi sono certezze in merito. Anche tutti gli operatori della cooperativa che gestisce il centro (ha in gestione anche un altro centro a Vicopisano) sono attualmente in quarantena e in attesa di effettuare i tamponi o si riceverne la risposta.

Scuole chiuse a Piana degli Albanesi – Il sindaco di Piana degli Albanesi (Pa) ha chiuso le scuole dopo che è stato registrato il primo caso positivo al Covid19. Si tratta di un giovane asintomatico entrato in contatto, per ragioni legate al suo lavoro, con una persona positiva. Anche i familiari del giovane sono stati già sottoposti al tampone e sono risultati negativi. A Piana è stata arrivata la task force dell’Asp per il tracciamento dei contatti avuti dal ragazzo e per l’esecuzione dei tamponi i cui risultati si avranno nei prossimi giorni. Il sindaco ha firmato l’ordinanza sindacale con la quale impone alcune limitazioni alle attività commerciali e alle scuole. Per le attività di bar, pub, pizzerie, sale giochi, sale scommesse e locali assimilati, di palestre, impianti sportivi e scuole di ballo, l’orario di chiusura è fissato per le ore 22. Le pizzerie ed esercizi di vendita cibi cotti, dopo le ore 22, possono effettuare servizio di asporto ed a domicilio.

Scuola chiusa a Oristano – Un familiare di un alunno positivo al Covid. E la scuola chiude. È successo a Oristano nella scuola paritaria del Sacro Costato: “il caso ha riguardato la famiglia di un alunno della scuola dell’infanzia – fanno sapere all’ANSA dall’istituto – ma per precauzione lo stop è stato esteso anche alle elementari.

Malore per uno scrutatore, chiuso seggio a Cagliari – Una sezione del seggio dell’Istituto Nautico di Cagliari dove sono in corso le votazioni per il referendum è stato chiuso in via precauzionale. Uno scrutatore ha accusato un malore dopo aver tossito un paio di volte e ha chiesto di poter andare via. A quel punto è stata decisa la chiusura provvisoria della sezione in via precauzionale, che sarà sanificato. Non si sa se lo scrutatore sarà sottoposto eventualmente a tampone. Le altre sezioni all’interno dell’Istituto Nautico sono tutte aperte.

Un forestale positivo, chiusa una caserma in Sardegna – Un agente del corpo forestale di Ghilarza (Oristano) è risultato positivo al Covid. Tutti i colleghi dell’agente sono stati sottoposti a tampone e la caserma è stata chiusa in via precauzionale.