Sei in: Home > Edizioni Locali > Ciociaria > Così Francesco ha saputo della morte di mamma e papà: uno strazio indicibile

Così Francesco ha saputo della morte di mamma e papà: uno strazio indicibile

image_pdfimage_print

Da Roma, dove vive per motivi di studio, stava chattando con gli amici per capire cosa era successo in piazza Mattej. Così, il giovane di 29 anni, figlio unico della coppia di insegnanti uccisi ieri sera, ha saputo di quanto accaduto ai suoi genitori. «Ho letto ed ho visto che è successo qualcosa di grave, qualcuno mi sa dire cosa è accaduto? Sto provando a contattare i miei, ma non rispondono» la frase che gli amici hanno letto sui loro smartphone.

Forse nessuno ha avuto il coraggio di dire cosa effettivamente fosse successo, o forse non si era ancora a piena conoscenza della portata del tragico evento. Così Francesco, studente della facoltà di Fisica presso l’università “La Sapienza”, non trovando risposta si è rivolto ad un parente stretto. Che in quel momento era insieme ai carabinieri, al lavoro per i rilievi e per l’avvio delle indagini.

Ai militari è toccato il delicatissimo compito di comunicare al giovane quanto accaduto. Al ragazzo, in uno stato di comprensibile choc e costernazione, non è rimasto altro da fare che rientrare in tutta fretta a Formia per sincerarsi di tutto quello che è accaduto in una giornata semplicemente incredibile nella sua drammaticità.

LEGGI ANCHE: Uccide cugina e marito per l’eredità

Una giornata di quelle che sono destinate a cambiare la vita, e purtroppo per lui in senso fortemente negativo: perdere entrambi i genitori nel giro di pochi minuti. È toccato invece alla sindaca Paola Villa prendere il primo, difficile e al tempo stesso delicatissimo contatto con Filippo, fratello di Giuseppe, impiegato presso il Comune di Formia negli uffici della centralissima Via Vitruvio, per comunicargli il tristissimo fatto. Il primo cittadino, in quel momento al lavoro presso il palazzo comunale, appena saputo di quanto successo è salito al piano di sopra e ha parlato con il dipendente. Per poi raggiungere il luogo della tragedia.

Uccide la cugina e il marito, poi si ammazza: mattanza per l’eredità

Prima uccide la cugina e il marito, poi si toglie la vita. Alla base della tragedia avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri a Formia, stando a quanto trapelato dalle prime indiscrezioni investigative, ci sarebbero delle questioni riconducibili a un’eredità. A sparare contro Fausta Forcina, 60 anni, e Giuseppe Gionta, 65 anni, sarebbe stato Pasqualino Forcina, 64 anni.

Sono da poco passate le 17 e 30 di ieri quando in piazza Mattej, nel centro di Formia, si sentono delle esplosioni. Qualcuno pensava si trattasse di petardi, ma poco dopo è arrivata la tragica scoperta all’interno di quel palazzo al numero civico 39. Una signora, mentre sta entrando nell’edificio, trova il corpo di Fausta Forcina, insegnante di matematica alla scuola “Dante Alighieri” di Formia, ormai senza vita. A ucciderla, come è stato appurato successivamente con gli accertamenti da parte dei reparti scientifici, alcuni colpi di arma da fuoco. In totale sarebbero tre i proiettili che hanno raggiunto la donna, che pare sia stata colpita alle spalle, forse in un disperato tentativo di fuga.

I carabinieri della Compagnia di Formia, giunti sul posto, hanno intuito subito quale fosse la pista investigativa da percorrere, ossia l’omicidio-suicidio. Infatti, all’interno dell’appartamento in cui la donna viveva col marito, Giuseppe Gionta (65 anni ed ex insegnante e vice preside dell’Istituto “Dante Alighieri”), i carabinieri trovano il corpo senza vita dell’uomo. Fatale, pare, un colpo di pistola esploso al petto. A distanza di poco tempo, in un altro appartamento del medesimo palazzo, il corpo di Pasqualino Forcina, cugino di Fausta Forcina e impiegato in uno studio di commercialisti.

In piazza Mattej, oltre ai carabinieri, sono giunti anche gli agenti del commissariato e i militari della guardia di finanza. L’intera area è stata transennata per consentire agli investigatori e alla scientifica di effettuare tutti gli accertamenti di rito. Chiaramente, la zona è stata delimitata anche per tenere lontane le tante persone che nel frattempo sono giunte lì per capire cosa stesse succedendo. All’interno del palazzo, fino a tarda sera, sono andati avanti i rilievi scientifici. Anche il magistrato di turno della Procura di Cassino, il dottor Emanuele De Franco, è giunto sul posto insieme al medico legale Daniela Lucidi.

Il duplice omicidio-suicidio, secondo quanto trapelato ieri, sarebbe maturato nell’ambito di una lite che andava avanti da qualche tempo per la gestione di un’eredità. Ad aprire il fuoco sarebbe stato Pasqualino Forcina, che dopo aver ucciso la cugina e il marito di lei si sarebbe tolto la vita. Lì gli investigatori hanno trovato la pistola, una calibro 7,65. L’esatta dinamica della tragedia è chiaramente ancora al vaglio delle forze dell’ordine e della Procura.

La notizia di quanto avvenuto ieri pomeriggio in piazza Mattej ha suscitato sconcerto in tutta la città di Formia, dove i due coniugi, insegnanti nella scuola “Alighieri”, erano molto conosciuti. Questa mattina la scuola sarà regolarmente aperta. Alle 9 circa il preside Vito Costanzo riunirà nel cortile della scuola alunni e professori per parlare della tragedia. Sospeso invece l’open day dell’istituto.