Sei in: Home > Edizioni Locali > Bari > Controllo del territorio. Arrestato un pusher e due scassinatori.

Controllo del territorio. Arrestato un pusher e due scassinatori.

image_pdfimage_print

I militari del Nucleo Radiomobile di Bari, in frazione Loseto, hanno arrestato un 32enne ed un 41enne, per furto aggravato in concorso e possesso di attrezzi da scasso.
In particolare, a seguito di una segnalazione telefonica pervenuta al 112,  i militari operanti sono intervenuti nella suddetta via dove hanno sorpreso i due mentre stavano tentando di  nascondersi in un sottoscala adiacente ad una cantinola la cui porta era stata forzata.  L’immediata perquisizione personale ha consentito  di rinvenire  sul 32enne il cilindretto della serratura della porta della cantinola che era stato appena asportato, mentre sulla persona del 41enne attrezzi da scasso ed  una torcia.
Il tutto è stato  posto sotto sequestro. Su disposizione della competente A.G., per i due arrestati si sono aperte le porte della Casa Circondariale di Bari in attesa di giudizio.
Nella notte precedente, in zona Stanic,  i militari del Nucleo Radiomobile hanno sottoposto a controllo un  42enne, sorpreso mentre, alla vista dei militari, cercava di nascondersi sotto un’autovettura. Sottoposto a controllo è stato trovato in possesso di attrezzi da scasso che sono stati sequestrati. Sul suo conto sono in corso ulteriori accertamenti volti a comprovare le sue dirette responsabilità su un tentativo di scasso della porta d’ingresso di un esercizio commerciale ubicato in zona, avvenuto prima del suo controllo.
Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione di Bari Picone hanno arrestato un  29enne del luogo per resistenza a p.u. e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolare, una pattuglia della suddetta Stazione CC ha notato il 29enne mentre, in bicicletta, percorreva con fare circospetto via Giulio Petroni. Alla vista dei militari  il giovane si è dato alla fuga, mettendo in pericolo l’incolumità degli operanti e  di altri utenti strada. L’inseguimento si è protratto fino in Viale Unità d’Italia, dove è stato  raggiunto e bloccato dai militari. Nel corso di una  perquisizione personale, il predetto è stato trovato in possesso di 40 grammi di sostanza stupefacente del tipo “hashish”, suddivisa in varie dosi e della somma contante  di € 30,00, ritenuta il provento dell’illecita attività spaccio.
Su disposizione della competente A.G., il 29enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio.
Per tutti è scattata anche la denuncia per la violazione dell’art. 650 C.P., avendo violato l’obbligo di rimanere in casa in violazione alla misure urgenti in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.