Colline Unesco: il 22 nascerà l’associazione di gestione

Il 22 gennaio a Conegliano nascerà la società di gestione del nuovo sito Unesco veneto.

La gestione futura delle Colline Unesco, a cominciare dal piano turistico e da quello urbanistico, sono i primi adempimenti ai quali sarà chiamata l’Associazione per il patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, il nuovo ente di gestione che nascerà ufficialmente mercoledì 22, nell’istituto Cerletti di Conegliano.

Ad
annunciare natura, obiettivi e operatività dell’Associazione, che
guiderà la gestione nonché la valorizzazione dell’ottavo sito Unesco del
Veneto, è il presidente della Regione Luca Zaia, primo sottoscrittore
dello Statuto del nuovo ente.

“L’associazione
per il patrimonio delle Colline – dichiara Zaia – sarà il volano e al
tempo stesso il guardiano al quale affidiamo lo sviluppo di questo
territorio, il rispetto dei valori Unesco,  il coinvolgimento delle
comunità locali nella progettazione di una immagina coordinata e nella
realizzazione di un sistema turistico sostenibile. L’associazione sarà
il ‘braccio’ di un’idea di ‘paesaggio culturale’ che ci è stata
consegnata dai nostri avi e che ha trovato pieno riconoscimento nel
marchio Unesco”.

I soci fondatori del nuovo ente sono Regione Veneto, Provincia di Treviso, Camera di Commercio di Treviso, il Consorzio di tutela del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene e l’Intesa programmatica d’area ‘Terre Alte’. Mercoledì a firmare lo Statuto dell’associazione per il patrimonio delle Colline saranno, oltre al presidente Zaia, Mario Pozza numero uno della Camera di Commercio Innocente Nardi, presidente del Consorzio di Valdobbiadene e Conegliano, Stefano Marcon e Stefano Soldan, i due sindaci di Castelfranco e di Pieve di Soligo, che rappresentano rispettivamente la Provincia e l’Ipa della Marca.