Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Cinema all’aperto a Trieste con “Trieste Estate 2019”

Cinema all’aperto a Trieste con “Trieste Estate 2019”

Il cinema all’aperto a Piazza Verdi è un’iniziativa dedicata non solo ai turisti, ma anche ai cittadini che trascorreranno l’estate in città.

Con l’estate tornano anche le programmazioni estive della città, tra cui “Trieste Estate” nella sua edizione 2019. Tra le tante iniziative presenti nel cartellone di eventi promossi dal Comune di Trieste, ci sono anche gli appuntamenti con il cinema all’aperto, nella splendida cornice di Piazza Verdi. “Trieste Estate 2019” è una manifestazione pensata non solamente per chi viene a visitare il capoluogo friulano, ma anche per i triestini che resteranno in città per l’estate. Dal giovedì 1 a lunedì 5 agosto l’appuntamento è con la rassegna #cinemanordest, con cinque visioni di altrettanti film girati e prodotti tra le vie delle Tre Venezie, organizzata dall’associazione Casa del Cinema di Trieste.

Il primo film della mini-rassegna sarò il dramma storico “Menocchio” di Alberto Fasulo, alla cui visione parteciperà anche il regista. La storia narra del mugnaio eretico Domenico Scandella, processato dall’Inquisizione nel Friuli di fine Sedicesimo secolo. Il giorno seguente è il turno di “Isabelle” di Mirko Locatelli, anche in questo caso alla presenza del regista, e della sceneggiatrice Giuditta Tarantelli. Un lungometraggio che intreccia la storia di due giovani, un’astronoma di origini francesi e un ragazzo, le cui vite saranno sconvolte per sempre da un evento che li riguarda entrambi. Il terzo film in programma è Resina”, opera prima di Renzo Carbonera ambientata a Luserna in Trentino, ancora una volta alla presenza del regista. Penultima serata con “I nomi del signor Sulčič” di Elisabetta Sgarbi, alla presenza della regista e dello sceneggiatore Eugenio Lio. Per finire, invece, la visione del classico del Neorealismo “Cuori senza frontiere”, del maestro Luigi Zampa. La trama racconta di un paese immaginario sul Carso, vicino Trieste, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando una commissione di Alleati traccia una linea in mezzo alla città dividendola in due.