ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
martedì 29 Novembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

[rank_math_breadcrumb]

CIMA – GRUPPO COESIA: FIRMATO L’ACCORDO SUL LAVORO AGILE, TUTELA DI SALARIO E DIRITTI NELL’ERA DIGITALE

Le Rsu assistite dalla Fiom Cgil e la Fim Cisl di Bologna hanno sottoscritto nei giorni scorsi l’accordo sul lavoro agile alla Cima, azienda del Gruppo Coesia che produce meccanica di precisione, con sede a Villanova
di Castenaso con circa 180 dipendenti.
L’accordo va a normare il lavoro agile, o smart working, al di fuori della fase emergenziale, definendo le tutele e i diritti per i lavoratori in remoto, anche in un’azienda a prevalente carattere produttivo.
L’intesa sancisce l’assoluta volontarietà del lavoro agile, riportando lo strumento alla funzione conciliativa, dopo circa due anni in cui il lavoro a distanza era imposto per necessità di distanziamento dovute alla pandemia e a tutela dei lavoratori fragili. I lavoratori avranno, così, diritto ad un massimo di 8 giornate al mese, con una percentuale quindi di circa il 40% della prestazione.
L’accordo stabilisce poi una forte flessibilità per i lavoratori sia in termini di luogo di lavoro che di orario: i lavoratori, infatti, potranno svolgere la propria prestazione in una fascia oraria che va dalle 7 alle 19, in qualsiasi luogo, purché garantisca le condizioni di sicurezza. Tuttavia, alla luce dell’esperienza della fase emergenziale, in cui di fatto si è determinato un aumento dei carichi nel lavoro da remoto, le Rsu e le Organizzazioni sindacali hanno chiesto e ottenuto di normare in maniera puntuale il diritto alla disconnessione, sancendo il diritto del lavoratore a disconnettersi da tutti i dispositivi (telefoni, pc, ecc.) con la facoltà di non rispondere a mail, telefonate, messaggi aziendali al di fuori dell’orario flessibile che avrà scelto.
Dal punto di vista salariale si stabilisce la parità di trattamento rispetto a tutti gli istituti previsti dalla contrattazione con il diritto al buono pasto del valore di 8€ nelle giornate di lavoro agile, nonché la fornitura di tutte le dotazioni tecnologiche a carico dell’azienda. Allo stesso modo l’accordo prevede il pieno godimento dei diritti sindacali, compreso il diritto di assemblea, nonché specifici percorsi di formazione.
Un’attenzione particolare viene riservata, infine, al tema della sicurezza, nonché alla formazione attraverso specifici percorsi formativi in e-learnig.
Il contratto sottoscritto amplia i contenuti della normativa di legge, dimostra come la contrattazione dia risposte efficaci per tutte le categorie di lavoratori, tutelando i diritti e il salario dei lavoratori anche nell’era del lavoro digitale.

Bologna, 05 Aprile 2022

RSU CIMA

FIOM CGIL BOLOGNA
FIM CISL AMB