Troina è il quarto comune siciliano delineato zona rossa

Troina é il quarto Comune siciliano che diventa “zona rossa”

 

Fino al 15 aprile, nel centro montano dell’entroterra vigerà il divieto di accesso e di allontanamento dal territorio comunale e la sospensione di ogni attività degli uffici pubblici, a eccezione dei servizi essenziali e di pubblica utilità. Potranno entrare e uscire dal paese solo gli operatori sanitari e socio-sanitari, il personale impegnato nell’assistenza alle attività inerenti l’emergenza, nonché esclusivamente per l’ingresso e l’uscita di prodotti alimentari, di prodotti sanitari, di beni e servizi essenziali




Palermo: comunità cinese dona materiale per prevenire il contagio

L’associazione dei gestori di “Bar Cinesi” in Italia dona alla città di Palermo materiale idoneo a contrastare la diffusione del coronavirus.

Sono giunti ieri nella tarda serata infatti, per il tramite dell’Ambasciata cinese di Roma, mascherine, copricapo e altri dispositivi di protezione individuale a sostegno dell’impegno della città contro il contagio.

Il presidente dell’associazione Zhou Zhongce, sottolinea che per la comunità cinese “l’Italia è la seconda casa” ricordando che così come le comunità cinesi si erano impegnate a sostegno dei propri connazionali in Cina, l’impegno si è spostato ora a favore dell’Italia e con l’Italia.

“Anche se una sola di queste mascherine dovesse essere utile a salvare una sola vita – ha detto il Sindaco Leoluca Orlando – a nome di tutta la città e di tutti i palermitani, non posso che dire un caloroso grazie alla comunità cinese di Palermo che si conferma una parte importante della nostra realtà. Non posso anche che ringraziare l’Ambasciata cinese che fin dalle prime ore dell’emergenza si è mostrata vicina e attenta alle esigenze della nostra comunità.”

“La solidarietà della comunità cinese – afferma il Presidente della RAP Giuseppe Norata- servirà a dare una boccata d’ossigeno a tante strutture pubbliche e che svolgono servizi pubblici a Palermo.”

La RAP è stata infatti incaricata dal Sindaco, per motivi logistici, di coordinare la ricezione di tutti i materiali utili che in queste ore da diverse parti e donatori stanno arrivando al Comune, anche mettendoli a disposizione di altri enti, prioritariamente le strutture sanitarie ma anche le forze dell’ordine e le altre aziende partecipate.

Già nella giornata di ieri il Presidente Norata ha contattato le autorità sanitarie per concordare la distribuzione del materiale a loro utile.




Fondi per contrasto povertà : si riunisce la Giunte

Già oggi pomeriggio, dopo la notizia dell’intenzione della Regione di stanziare 100 milioni di euro per le famiglie in difficoltà e ancor di più dopo le notizie circa un analogo provvedimento nazionale, il Sindaco Leoluca Orlando ha riunito la Giunta per approntare quantonecessario a rendere operative queste misure una volta che saranno formalizzate dai Governi nazionale e regionale.

Già lunedì la giunta varerà formalmente alcune modifiche al PEG, il piano per la gestione dei fondi di bilancio, e comunque sono state vagliate le diverse ipotesi per rendere l’utilizzo delle somme quanto più snello e veloce possibile, senza incorrere in lungaggini gestionali e burocratiche.
Per domani, il Sindaco ha convocato una riunione del Direttivo di ANCI cui seguirà una nuova riunione con gli assessori e i dirigenti interessati, al fine di concordare modalità flessibili di risposta alle diverse esigenze dei diversi comuni isolani.

Il sindaco Leoluca Orlando sottolinea che “da alcuni giorni avevamo richiesto interventi regionali e nazionali per fronteggiare l’emergenza sociale legata al Covid e già in queste ore Palermo sta sperimentando una positiva collaborazione con il privato sociale e con l’associazionismo per lo sviluppo di un sistema di assistenza alimentare.
E’ una esperienza importante per mettere a punto un sistema che permetterà di garantire aiuto a tutti coloro che hanno realmente bisogno e garantirà maggiore serenità a migliaia di famiglie.”




Premio Camilleri 2020 assegnato a siciliana Pantano

Ester Pantano vince il premio Camilleri a Cortinametraggio, ideato e diretto da Maddalena Mayneri dedicato alla cinematografia ‘breve’ italiana.

Il Premio Camilleri è stato istituito quest’anno dal Festival per ricordare il celebre scrittore, sceneggiatore, drammaturgo e regista e dedicato al talento di una giovane attrice o attore under 30 che si è particolarmente distinto nelle ultime stagioni nella serialità italiana. La catanese Ester Pantano è interprete e co-protagonista della serie tv ‘Imma Tataranni: sostituto procuratore’ e protagonista femminile del film tv ‘La Mossa del Cavallo – C’era una volta Vigata’ tratto dall’omonimo romanzo di Andrea Camilleri.




Palermo: 1.800 famiglie si registrano per gli aiuti alimentari

Sono circa 1.800 le famiglie che negli ultimi tre giorni si sono registrate al nuovo sistema unico di gestione degli aiuti alimentari organizzato dal Comune in collaborazione con la Caritas, l’associazione “Banco Alimentare” e l’Associazione “Banco delle opere di carità”.

Da oggi, alla possibilità di registrarsi tramite email e tramite telefono, si aggiunge anche la possibilità di effettuare la registrazione online sul sito www.protezionecivile.palermo.it curato dall’Amministrazione comunale. Nelle prime 4 ore online, si sono registrate circa 450 famiglie.

Un sistema automatico verificherà in tempo reale se il nominativo è già stato inserito, anche per non sovraccaricare gli uffici che devono controllare che non vi siano duplicati o che le persone che si registrano non siano già beneficiarie degli interventi. Già dall’attivazione della piattaforma online è stato infatti riscontrato che alcuni cittadini hanno effettuato la registrazione più volte tramite diversi canali.

Tutti i nominativi vengono trasmessi alle associazioni che interverranno in base alla Circoscrizione di residenza dei richiedenti. Per le famiglie in quarantena e per quelle con persone non autosufficienti si sta attrezzando un servizio ad hoc a cura della Caritas e degli Uffici comunali, cui dalla prossima settimana si aggiungeranno i volontari della Protezione Civile.

“Tutti gli uffici comunali coinvolti – sottolinea l’Assessore Mattina – stanno facendo uno sforzo straordinario, lavorando a volte anche per 24 ore di fila per garantire che la città sia pronta a dare quanto più possibile assistenza alle famiglie che stanno attraversando un periodo di difficoltà eccezionale.

Voglio ringraziare gli uffici di servizio sociale a livello centrale e delle circoscrizioni, l’Unità per le emergenze sociali e l’ufficio del Webmaster per lo straordinario lavoro di supporto che stanno facendo, che è in sintonia con lo spirito di comunità che attraversa la città.”

Il Sindaco Leoluca Orlando (video del suo intervento è disponibile qui https://youtu.be/w0sMokYEtc4) è tornato a chiedere che “siano modificati e resi più snelli i criteri per l’accesso al Reddito di cittadinanza e che comunque da subito, al più presto si individui un sistema, che può essere quello di una carta prepagata, che permetta ai cittadini di fare gli acquisti dei beni essenziali, degli alimentari, dei beni di prima necessità.
Il Comune, con lo straordinario aiuto del terzo settore e del volontariato si sta attrezzando per quella che è sempre più una emergenza sociale, ma è evidente che occorre un intervento forte e straordinario del Governo nazionale per dare serenità e dignità alle tante famiglie che stanno restando a casa ma stanno anche perdendo il proprio lavoro o il proprio reddito.”




Sorpresi con 100 gr di marijuana: arrestati

I Carabinieri della Compagnia di Messina Centro hanno arrestato due messinesi, il 22enne V.F.E. e il 30enne P.G., per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il tutto è accaduto nella tarda mattinata di ieri, quando, nel quadro dei controlli finalizzati a garantire il rispetto delle prescrizioni emanate con i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8, 9, 11 e 22 marzo e del Decreto Legge n.19 del 25 marzo 2020, in materia di contenimento dell’emergenza sanitaria per contrastare la diffusione del virus Covid-19, i Carabinieri della Stazione di Camaro Superiore hanno controllato un’autovettura su cui viaggiavano due ragazzi.

Alla vista dei Carabinieri uno dei due ragazzi ha lanciato dal finestrino del veicolo un involucro. I militari dell’Arma hanno fermato il mezzo e controllato gli occupanti e contestualmente hanno recuperato l’involucro di cui si erano appena disfatti i due, scoprendo che all’interno vi erano circa 100 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Dopo essere stati sottoposti a perquisizione personale e veicolare, i due sono stati arrestati poiché ritenuti responsabili del reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti e condotti presso la Stazione dei Carabinieri di Camaro Superiore ove gli è stata contestata anche la sanzione amministrativa da 400 a 3000 euro per la violazione delle restrizioni imposte per il contenimento dell’ diffusione del virus Covid 19.

Questo pomeriggio il Giudice presso il Tribunale di Messina ha convalidato l’arresto effettuato dai Carabinieri.




70 contagiati Oasi Troina

 Sono 70 le persone contagiate all’Istituto ricerca e cura a carattere scientifico

Lo afferma il sindaco del paese dell’Ennese, Fabio Venezia, che è “in contatto con il personale sanitario dell’esercito che arriverà domani per una prima valutazione della situazione, cui seguirà, nei giorni successivi, quello degli aiuti necessari per poter intervenire prontamente”. L’arrivo a Troina di alcune unità della sanità militare è stato annunciato oggi dal presidente della Regione Musumeci




Commissione Urbanistica, Caronia: “Chiarire modalità conservazione dei documenti e organizzazione del trasloco”

“È necessario chiarire le modalità con cui è stato organizzato il trasloco degli uffici e dei materiali della II Commissione consiliare, così come la verifica di quali tutele si stanno applicando per la conservazione dei documenti della Commissione stessa.
E’ importante avere chiaro, anche alla luce delle recenti vicende giudiziarie che stanno interessando anche l’attività della Commissione e tutto il settore dell’Edilizia privata, chi ha oggi accesso ai documenti e in quale veste, chi sta organizzando e come il trasloco, chi ne ha la responsabilità e soprattutto quali misure precauzionali si stanno adottando per garantire l’integrità e la riservatezza dei documenti.Tutto questo è ancora più importante in un momento delicato in cui gli uffici sono più sguarniti ed anche i consiglieri dovrebbero essere correttamente a casa nel rispetto delle prescrizioni per la prevenzione del contagio”.

Lo dichiara Marianna Caronia, nella veste di Presidente facente funzioni della II Commissione del Consiglio comunale di Palermo.




Mercato ortofrutticolo: apertura eccezionale per sabato mattina

Il Sindaco Leoluca Orlando ha disposto nel corso della Giunta telematica svoltasi oggi, che le attività del mercato ortofrutticolo di Palermo (momentaneamente sospese al fine di permettere l’adeguamento delle procedure alle prescrizioni volte al contrasto del Coronavirus) riprendano sabato mattina con la ricezione dei prodotti ortofrutticoli da parte dei produttori, per la successiva vendita a partire da lunedì mattina.

L’apertura eccezionale del sabato, motivata dalla prolungata sospensione delle attività e dalla necessità di accelerare i tempi di ripresa della regolare fornitura di cibi freschi alle rivendite cittadine, è destinata unicamente all’ingresso dei concessionari e, in tre turni dalle 6 alle 12, dei mezzi pesanti e dei venditori locali indicati dagli stessi concessionari e registrati sulla piattaforma comunali.

La decisione è stata comunicata a tutti i concessionari, con la notifica che in caso di mancato adeguamento alle decisioni assunte dal Comune di concerto con le Autorità competenti, si valuterà la sussistenza della interruzione di pubblico servizio per i provvedimenti del caso.

“Si avvia il meccanismo necessario e indispensabile – ha affermato il Sindaco – per garantire che l’approvvigionamento alimentare della città prosegua in modo regolare e ordinato, garantendo a tutti i soggetti coinvolti, primi fra tutti gli operatori commerciali del mercato stesso, la tutela della salute e la prevenzione del contagio.”

A partire da lunedì, il Mercato entrerà a regime secondo il nuovo sistema implementato dal Comune che conferma la netta separazione fra le due fasi di scarico e vendita delle derrate ed introduce un contingentamento degli accessi previa registrazione-prenotazione e rilascio di un codice univoco di accesso all’area che sarà verificato dagli Addetti alla vigilanza (guardie giurate comunali del Coime) supportati dalla Polizia municipale e dalle altre Forze dell’Ordine.




Sicurezza: controlli e tre arresti nell’Agrigentino

Contrasto alla commissione di reati in tempo di coronavirus. Il diffuso obbligo di rimanere a casa inizia a farsi sentire anche sulle persone sottoposte a misure cautelari. Proseguono incessantemente i controlli dei Carabinieri, impegnati nel far rispettare le prescrizioni di contrasto alla diffusione del coronavirus: nella giornata di ieri, tra le maglie serrate delle pattuglie dei militari, sono incappati tre pregiudicati, già sottoposti a misure cautelari. Per i tre è scattato l’arresto e maggiori restrizioni alla loro libertà.

Il desiderio di farsi una passeggiata e di prendere una boccata d’aria è stato troppo forte per due licatesi, un 78enne ed un 49enne, che stavano scontando la detenzione domiciliare per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. I Carabinieri della Stazione di Ravanusa li hanno infatti sorpresi, durante un servizio di pattuglia per contrastare la diffusione del coronavirus e per vigilare sull’applicazione delle misure di contenimento disposte dal Governo, mentre si trovavano fuori dalla loro abitazione. I due non solo non hanno saputo giustificare la loro presenza fuori di casa, come previsto dai decreti del Presidente del Consiglio, ma avevano l’obbligo tassativo di rimanere dentro le mura domestiche perché stavano scontando la loro pena. Per loro il Tribunale di Sorveglianza ha ordinato la custodia in carcere. I due sono stati trasferiti alla casa circondariale di Contrada Petrusa ad Agrigento.

Caso simile nella Città dei Templi, dove un 28enne pregiudicato, sottoposto ad obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria è stato controllato a bordo della sua auto in Piazzale Giglia a San Leone, in compagnia di un minorenne. Il ragazzo, mostrando segni di nervosismo al controllo, ha convinto i Carabinieri della Stazione di Villaggio Mosè ad approfondire i controlli. Così, all’ interno del vano portaoggetti della macchina, sono sbucate dieci dosi di marijuana, già confezionate e pronte per essere vendute. In questa occasione l’Autorità Giudiziaria ha aggravato immediatamente la misura nei confronti del giovane, sottoponendolo agli arresti domiciliari.

Si tratta di un altro risultato dei Carabinieri di Agrigento, conseguito, negli ultimi giorni, a seguito della fitta rete di controlli in tutta la provincia contro la diffusione del virus. Nei giorni passati numerose sono state le segnalazioni a carico di cittadini trovati ingiustificatamente al di fuori della loro abitazione, a fronte di altri, la maggior parte, che diligentemente in questi giorni stanno rimanendo a casa, nel rispetto delle direttive emanate.