Salute, l’ipertensione ‘desincronizza’ il cervello

 

In alcuni pazienti affetti da ipertensione arteriosa il danno alle strutture nervose inizia prima che siano comparsi segni clinici di deterioramento cognitivo o che la risonanza magnetica tradizionale possa identificare alterazioni evidenti a carico del cervello. Una ricerca del Dipartimento di Angiocardioneurologia e Medicina Traslazionale dell’Irccs Neuromed di Pozzilli evidenzia come sia possibile individuare precocemente le alterazioni nervose che potranno portare alla demenza vascolare. Lo studio ha utilizzato la risonanza magnetica funzionale a riposo, o ‘resting-state fMRI’, che, eseguita su una persona completamente a riposo, permette di evidenziare le attivazioni neuronali nel tempo, cioè i pattern di attivazione dei network attraverso i quali le diverse aree cerebrali scambiano informazioni e si coordinano.
“Studiando 19 pazienti ipertesi, confrontandoli con 18 soggetti non affetti da questa condizione – spiega Lorenzo Carnevale, primo firmatario del lavoro scientifico – abbiamo potuto vedere una serie di alterazioni in alcuni network cerebrali, in particolare quelli che rispondono agli stimoli visivi, decidono la risposta a questi stimoli e quindi la eseguono. Funzioni che richiedono una stretta sincronizzazione, che negli ipertesi appare disturbata”.




Scuola: test personale Molise, no casi positivi Covid-19

 

Sono circa 900 i tamponi sierologici effettuati fino ad oggi dall’Azienda sanitaria regionale del Molise (Asrem) sul personale scolastico che sta partecipando allo screening su base volontaria. Lo riferisce, interpellato dall’ANSA, il direttore generale Oreste Florenzano.
Al momento, non si segnalano casi di positività. “Avevamo avuto qualche segnale sierologico – ha spiegato Florenzano – ma al successivo tampone non abbiamo avuto positività”. Intanto dall’Asrem fanno sapere che il calendario delle prenotazioni è saturo fino al 2 agosto e, pertanto, è possibile effettuare le nuove prenotazioni dal 1/o al 4 settembre.




Migranti tentano fuga: rintracciati, aggrediscono agenti

 

Si sono allontanati dalla struttura di accoglienza di Campolieto (Campobasso), dove erano ospitati da alcuni giorni ed erano stati posti in quarantena sanitaria, e dopo essere stati rintracciati dai poliziotti li hanno aggrediti. Nella colluttazione gli agenti sono stati feriti. Due tunisini di 19 e 22 anni sono stati arrestati con l’accusa di lesioni, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.
L’udienza di convalida dell’arresto si terrà domani. Intanto prosegue l’attività di ricerca dei 32 tunisini che nei giorni scorsi si sono allontanati dal centro di accoglienza di Campomarino (Campobasso). Nelle prime ore di oggi, fa sapere la Questura di Campobasso, uno dei fuggitivi è stato rintracciato e fermato al valico di Como dagli agenti della Polizia di frontiera.




Grande Barriera corallina: Migrazione di tartarughe il video spettacolare

Avvistamento eccezionale di una migrazione di oltre 64mila tartarughe. Il video è stato girato lungo la Grande Barriera corallina. Una enorme colonia di esemplari mai vista fino ad ora è stata ripresa da un drone vicino Raine Island in Australia.

Le immagini catturate con un drone di una grande colonia di esemplari di tartarughe verdi in Australia, dal Dipartimento dell’Ambiente e della Scienza del governo del Queensland, hanno dell’eccezionale. Si tratta molto probabilmente di uno dei maggiori avvistamenti mai avvenuto, almeno per quanto riguarda le tartarughe marine, di almeno 64mila tartarughe verdi che si sono radunate ai margini della Grande barriera corallina durante la stagione di nidificazione. Il filmato è stato catturato dagli scienziati del Dipartimento dell’Ambiente e della Scienza del governo del Queensland a Raine Island, una baia di corallo a circa 620 chilometri a nord-ovest di Cairns. Le tartarughe verdi, che prendono il nome dal colore della loro cartilagine, si trovano principalmente nelle acque tropicali e subtropicali e migrano su lunghe distanze.

                                                                                                                                                                       




Clean Saturday in spiaggia a Campomarino.Tanti i rifiuti

 

– Plastica in spiaggia, rifiuti di ogni tipo in pineta e due grosse discariche abusive poco distanti. E’ lo scenario che hanno trovato a Campomarino questa mattina, prima giornata di “Clean Saturday, i volontari di Ambiente Basso Molise, di Aisa (Associazione italiana sicurezza ambientale) e “Il Valore” insieme ad alcuni cittadini. Armati di rastrelli hanno ripulito l’arenile, dove nel 2019 furono ritrovate tartarughe marine, e le aree verdi vicine.
L’iniziativa ha avuto il patrocinio del Comune, presente con l’assessore all’Ambiente Antonio Saburro. Molti gli scarti edili, lavandini, water, ma anche televisori, computer, stampanti, radio, letti e materassi, vetro e plastica misti a eternit. Trovati anche molti guanti e mascherine. “Purtroppo il Covid non ha insegnato nulla – dichiara Luigi Lucchese di Ambiente Basso Molise – Quando si assiste a tanto degrado si ha la chiara sensazione che ci si voglia far male da soli”. I Clean Saturday proseguiranno ogni ultimo sabato del mese fino a fine 2020.




Carlo Bonomi eletto presidente Confindustria

 Lo ha eletto l’assemblea di via dell’Astronomia che con il suo voto, all’unanimità

In sessione privata e a porte chiuse, ha concluso l’iter per la nomina del nuovo leader degli industriali dopo la designazione di Bonomi in Consiglio Generale lo scorso 16 aprile.

Carlo Bonomi prende oggi il testimone da Vincenzo Boccia: sarà presidente di Confindustria per il quadriennio da maggio 2020 a maggio 2024.




Youtube: funzione per gestire il tempo online in assenza di routine

Con la pandemia che ha stravolto la routine quotidiana, YouTube ha introdotto una nuova funzione per aiutare gli utenti a mantenere le proprie abitudini

La funzione consente di impostare un orario in cui smettere di guardare video e mettersi a dormire. Per attivarlo basta andare sulle impostazioni, dove si può scegliere di essere avvisati all’ora precisa che è stata scelta, oppure aspettare fino al termine del video in esecuzione.
“Con molti di noi a casa, può essere particolarmente difficile attenersi alla propria routine. Per questo è più importante che mai stabilire dei limiti, per aiutarsi a gestire quanto tempo si passa online”, si legge nella nota.
L’impostazione si aggiunge a diverse altre funzioni lanciate nel 2018 e volte a limitare il tempo trascorso davanti allo schermo. Tra queste la possibilità di impostare una pausa, con lo stop alla riproduzione dei video che scatta dopo un tempo prefissato tra i 15 minuti e le 2 ore




Germania e Francia sono d’accordo su un piano temporaneo da 500 miliardi

Proposta dopo videoconferenza dei due leader

 

“Su un piano temporaneo da 500 miliardi di euro che vengano dalle spese del bilancio dell’Ue, quindi non prestiti, a diposizione delle regioni e dei settori più colpiti dalla pandemia”. Lo ha detto Angela Merkel a Berlino dopo il vertice in videoconferenza con Emmanuel Macron.
Il presidente francese ha precisato che i 500 miliardi di euro del fondo di rilancio varato oggi dall’iniziativa franco-tedesca “dovranno essere rimborsati”. Ma “non saranno però rimborsati dai destinatari” del prestito, ma “dagli Stati membri”.




Si può ricominciare a prendere l’espresso a Campobasso

Tra la gente c’è voglia di uscire e socializzare

 

Campobasso, ore 6: lungo le strade diversi runner, alcuni in coppia e a distanza di sicurezza, altri in solitaria. Dalla zona industriale, alle strade del centro, se ne incontrano più del solito. L’avvio della Fase 2 con meno restrizioni e maggiore libertà di circolazione, è stata accolta positivamente e con un senso di ‘liberazione’. Una data importante il 18 maggio che segna la ripartenza delle attività commerciali e di quelle dei servizi alla persona. Vetrine tirate a lucido e serrande alzate con i primi clienti che già di primo mattino non hanno voluto rinunciare al tradizionale appuntamento con il caffè al bar.




In Molise sale rischio contagi

 I nuovi casi di positività al Coronavirus registrati negli ultimi giorni in Molise hanno fatto salire l’indice R0 a 1,57

È quanto emerge dall’analisi ‘CoVstat’, l’indicatore di rischio contagio che analizza i dati della Protezione civile usando metodologie statistiche e scientifiche. Dall’analisi emerge che il Molise è l’unica regione in controtendenza rispetto al dato nazionale che conferma una fase decrescente dei contagi.