Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Catanese, condannato per omicidio evade dal carcere di Volterra approfittando di un permesso

Catanese, condannato per omicidio evade dal carcere di Volterra approfittando di un permesso

Gesualdo Sapienza ha ammazzato a fucilate, nel 2010, l’operatore ecologico Carmelo Ferraro

 

 

Un detenuto siciliano di 58 anni, Gesualdo Sapienza, è evaso dal carcere di Volterra, Pisa, dove era recluso per omicidio volontario. L’uomo, approfittando di un permesso di alcuni giorni concesso dal magistrato di sorveglianza, non si è ripresentato in carcere. La direttrice Maria Grazia Giampiccolo, ha spiegato che il permesso gli era stato concesso per «gravi motivi familiari». Stava scontando una pena a 14 anni e otto mesi per aver ucciso, nel 2010, l’operatore ecologico Carmelo Ferraro, originario di Palagonia: ammazzato a fucilate per dissidi economici, una storia di debiti non pagati finita con i colpi esplosi da un’arma detenuta illegalmente. Sapienza, nove anni fa, aveva sostenuto di avere agito per legittima difesa e di essere stato vittima di un’aggressione da parte di quattro persone.

L’uomo sarebbe dovuto tornare in cella ieri e invece non si è ripresentato. Ora è latitante ed è stato denunciato per evasione. Sapienza inoltre non è nuovo alle evasioni, infatti il 58enne aveva già scontato una condanna per reati gravi nel 1996, e anche allora approfittando di un permesso, era evaso dal carcere di Perugia. Era stato riportato dietro le sbarre nel 2002, poi era stato rimesso in libertà dal tribunale de L’Aquila e affidato ai servizi sociali. Nel luglio del 2005 è stato arrestato di nuovo dalla polizia per una rapina a un supermercato di Caltagirone. È tornato in libertà il 29 settembre 2006 fino al crimine del 2010.