Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Caserta, abusi durante l’esorcismo: ex prete condannato a 12 anni

Caserta, abusi durante l’esorcismo: ex prete condannato a 12 anni

image_pdfimage_print

Il tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) ha condannato a 12 anni di carcere Michele Barone, ex prete della Diocesi di Aversa accusato di aver commesso violenze e abusi contro tre donne, tra cui una minorenne, mentre praticava riti esorcistici non autorizzati. La Procura aveva chiesto 22 anni di carcere per l’ex sacerdote del Tempio di Casapesenna, le cui condotte illecite erano state smascherate dalla trasmissione “Le Iene”.

I giudici non hanno ritenuto sussistente il reato di violenza sessuale contestato a Barone nei confronti delle due vittime maggiorenni, riconoscendolo colpevole delle altre fattispecie di violenza privata, maltrattamenti e lesioni gravissime.

La Corte ha condannato anche i genitori della vittima minorenne, accusati di non aver impedito le violenze dell’ex prete verso la figlia, che loro credevano “posseduta dal demonio”. Assolto il funzionario della polizi, Luigi Schettino, che era accusato di aver coperto le condotte di don Barone e di aver  fatto pressione perché la sorella della vittima minore ritirasse la denuncia da cui erano partiti gli accertamenti a carico del prete. Per Schettino e un altro poliziotto sentito come teste durante il processo, il tribunale ha disposto l’invio degli atti in Procura perché valuti la sussistenza del reato di omessa denuncia.

Don Barone fu arrestato nel febbraio 2018 all’aeroporto napoletano di Capodichino, di ritorno da un viaggio religioso in Polonia ed era insieme ai genitori della minore, anch’essi arrestati. Dopo l’arresto è arrivata la sospensione del Vescovo di Aversa e infine la decisione di Papa Francesco di spogliare Barone dell’abito talare.