Streaming
Sei in: Home > Esteri > Boris Johnson non ha più la maggioranza

Boris Johnson non ha più la maggioranza

Un conservatore ha lasciato il partito: Boris Johnson non ha più la maggioranza.

Il futuro del Regno Unito è sempre più in bilico. Dopo il blocco del parlamento richiesto dal premier Boris Johnson per ostacolare l’accordo sulla Brexit, la situazione peggiora ulteriormente.

Se già prima la maggioranza di Johnson era debole, un solo voto di scarto, adesso è definitivamente caduta. Proprio oggi, il parlamentare Philip Lee ha lasciato il partito.

Nel bel mezzo della seduta si è alzato. Ha abbandonato il suo posto ed è andato a sedersi con i liberal-democratici, che probabilmente adesso diventeranno il suo partito.

Così è definitivamente capitolata la maggioranza, se così si può chiamare. Adesso il futuro è decisamente misterioso. Chi avrà la palla per negoziare il deal con l’Unione Europea? Ammesso che ci sarà un deal.

Molti conservatori, infatti, pur di uscire sarebbero disposti ad andare incontro ad un no-deal. In questo modo salterebbero i rapporti commerciali con l’Unione Europea, in favore di quelli con gli Stati Uniti. Almeno, questo era il piano di Boris Johnson.

Con questo colpo di scena non è detto che ci sarà Johnson a rappresentare il Regno Unito nelle negoziazioni con i vertici UE.