Streaming
Sei in: Home > Articoli > Blitz antidroga dei carabinieri tra Roma e Latina: 17 arresti

Blitz antidroga dei carabinieri tra Roma e Latina: 17 arresti

L’articolata attività criminosa era gestita da tre gruppi organizzati tra Mentana, Monterotondo e Colleverde

LATINA – Maxi operazione antidroga dei carabinieri tra le province di Roma e Latina. Circa 100 militari della Compagnia di Monterotondo, con l’aiuto di unità cinofile e di un elicottero, hanno eseguendo un’ordinanza che dispone misure cautelari a carico di diciassette persone (7 in carcere, 10 ai domiciliari), emessa dal gip Mario Parisi, del Tribunale di Tivoli per il reato di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti.

L’indagine ha consentito di individuare tre gruppi di soggetti, in contatto tra loro, dediti allo spaccio in particolare nei comuni di Monterotondo, Mentana e Fonte Nuova.

Uno dei tre gruppi criminali, presente a Fonte Nuova e Colleverde di Guidonia Montecelio, che si avvaleva di diversi e giovani collaboratori, gestiva la consegna di decine di dosi al giorno tramite un collaudato sistema di smistamento delle “richieste”, basato su nomi di fantasia o ispirati a personaggi del famoso “Romanzo Criminale” (ad esempio Er Freddo”) e su parole in codice, note anche agli acquirenti. Le complesse indagini – condotte attraverso le intercettazioni telefoniche e numerosi servizi di pedinamento – hanno già consentito nei mesi scorsi di eseguire 22 arresti in flagranza, che si aggiungono ai 17 di oggi.

L’operazione è stata denominata convenzionalmente “I soliti noti”, perché i soggetti coinvolti nell’indagine sono conosciuti dalle forse dell’ordine perché vantano numerosi precedenti specifici. Alcuni erano operativi anche se agli arresti domiciliari. L’inchiesta è stata avviata nel mese di ottobre 2017 a seguito del sequestro di circa 2 kg di hashish rinvenuti presso l’abitazione di un noto pregiudicato di Monterotondo.

L’organizzazione criminale

Il primo gruppo, quello operante a Monterotondo, era gestito da una 61enne, già agli arresti domiciliari, che avvalendosi di familiari e giovani collaboratori, era in grado di garantire oltre 20 consegne di cocaina al giorno.

Il secondo gruppo, in azione invece a Mentana, era guidato da un 44enne del posto ed era quello più prolifico, riuscendo a piazzare sul mercato oltre 40 dosi al giorno, avendo, tra l’altro, acquirenti provenienti anche dalla provincia di Latina.

La base logistica è stata individuata in un garage in zona Talenti, a Roma, dove il 19 gennaio scorso il presunto capo fu arrestato proprio mentre recuperava circa 250 grammi di cocaina.

Il terzo gruppo operava in zona Fonte Nuova e a Colleverde di Guidonia Montecelio e faceva capo ad un 32enne di Tor Lupara, che gestiva, tramite un collaudato sistema di smistamento delle “richieste”, basato appunto su nomi di fantasia e su parole in codice, la consegna di decine di dosi di stupefacente al giorno. Le complesse indagini – condotte attraverso le intercettazioni telefoniche e numerosi servizi di pedinamento – hanno consentito negli scorsi mesi di eseguire 22 arresti in flagranza (che si aggiungono alle 17 misure cautelari eseguite oggi) e di sequestrare oltre 500 gr di cocaina, 4,2 kg di hashish, 17.880 euro in contanti, ritenuto provento dello spaccio.