Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Blitz anti-terrorismo in Abruzzo coordinato dalla DDA de L’Aquila

Blitz anti-terrorismo in Abruzzo coordinato dalla DDA de L’Aquila

 

Per finanziare le attività terroristiche riconducibili al movimento radicale islamico Al Nusra vendevano tappeti secondo quanto emerso nel corso delle indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia ed Antiterrorismo dell’Aquila,  che hanno portato alle perquisizioni nei confronti di oltre 20 soggetti di origine tunisina, da anni stabilitisi in Italia.

Le perquisizioni sono state effettuate in Abruzzo, a Torino, Milano e nella provincia di Ascoli Piceno dai militari dei Comandi Provinciali Carabinieri e della Guardia di Finanza di Torino, Milano, Ascoli Piceno e Teramo e il coordinamento del Raggruppamento Operativo Speciale dei Carabinieri e del Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza.

Le vendite di tappeti ed altri prodotti avrebbero consentito di raccogliere ingenti quantità di denaro da destinare anche al finanziamento di attività riconducibili ad «Al-Nusra».  Alcune società, che operano nel settore della rifinitura edilizia e nel commercio di tappeti, formalmente intestate a persone compiacenti ma di fatto gestite dal capo del gruppo, mediante numerosi artifizi contabili, avrebbero distrarre importanti somme di denaro che sono state impiegate per attività illecite.  I soldi successivamente sarebbero  stati riciclati nell’acquisto di beni immobili e in altre attività imprenditoriali destinate a finanziare gruppi radicali di ispirazione islamica che operano all’estero.