Sei in: Home > Edizioni Locali > Blitz anti-droga nel quartiere del clan Spada: elicotteri e pattuglie a Ostia

Blitz anti-droga nel quartiere del clan Spada: elicotteri e pattuglie a Ostia

Solo nel tardo pomeriggio, i militari del Gruppo Ostia hanno lasciato la «piazza»

 

Un blitz anti-droga è scattato alle prime ore dell’alba di ieri a Ostia Nuova, feudo dei clan Spada e Fasciani.  In strada, le pattuglie dei carabinieri del Gruppo Ostia hanno bloccato le vie di accesso e di uscita di piazza Gasparri, mentre le sirene delle gazzelle svegliavano i residenti. I militari, agli ordini del colonnello Pasqualino Toscani, hanno passato al setaccio via Forni, via Ingrao, via Domenico Baffigo  e tutta la zona del litorale romano. Oltre 150 i veicoli sono stati fermati e perquisiti, inoltre per le operazioni è stato impiegato anche “Fiamma”, l’elicottero dell’Arma, che si è alzato in volo sui tetti del «quadrilatero della droga», dove mansarde e lavatoi continuano a essere utilizzati dai pusher e dai clan per i traffici di sostanze stupefacenti.

Tre le persone finite nella rete delle forze dell’ordine. Sarebbero dei«Pesci piccoli», come vengono chiamati in gergo, ma ugualmente affiliati ai clan e quindi potenzialmente fondamentali per i loro contatti con i vertici mafiosi. Due dei tre sono stati arrestati, entrambe 40enni, fermati proprio a Ostia Ponente con cocaina e hashish nelle tasche dei pantaloni. Un terzo è stato invece bloccato a qualche chilometro di distanza in via Costanzo Casana. Addosso aveva alcune dose di hashish e per lui è scattata una denuncia a piede libero.

L’operazione di ieri rientra in un più ampio controllo del litorale effettuato nelle ultime 48 ore. Sono stati passati al setaccio anche i «bunker» della malavita ostiense. I garage e le cantine dei palazzoni popolari vengono spesso trasformati in luoghi di spaccio e nascondigli di refurtiva. Un nascondiglio considerato impenetrabile, fino a qualche mese fa. Solo nel tardo pomeriggio, i militari del Gruppo Ostia hanno lasciato la piazza di spaccio. Ma, promettono, non termina qui la guerra ai clan di Ostia.