Streaming
Sei in: Home > Articoli > Bari, violenze su bimbi autistici: arrestate quattro maestre

Bari, violenze su bimbi autistici: arrestate quattro maestre

Dai video si vede chiaramente come le “educatrici” colpiscano ripetutamente e violentemente gli inermi giovani alunni

BARI – Nuovo caso di maltrattamento su minori. Minacce, insulti, strattonamenti ma anche mani legate, bocche imbavagliate o tappate con fazzoletti, fino a rischiare di interromperne la respirazione. Queste alcune delle terribili violenze che quattro educatrici hanno commesso su alcuni ragazzini autistici all’interno di un centro di riabilitazione privato, ‘Istituto Sant’Agostino’ di Noicattaro, nel barese, convenzionato con il Servizio sanitario nazionale.

Secondo quanto emerso dalle indagini, le maestre, tra i 28 e i 42 anni, che si occupano di percorsi educativi e riabilitativi di minori affetti da autismo e altre disabilità mentali, avrebbero colpito i ragazzi con schiaffi e pizzicotti.

Il tutto è stato documentato dalle immagini delle telecamere all’interno dell’istituto

A far partire le indagini la denuncia di una dipendente del Centro che ha riferito ai carabinieri di aver assistito, dal 2016, a comportamenti violenti e vessatori da parte di alcune educatrici nei confronti dei pazienti. Dai video emergono scene agghiaccianti con ceffoni e calci su inermi ragazzini che non possono neanche reagire. I militari hanno così iniziato ad indagare e hanno verificato, anche grazie alle intercettazioni, l’esistenza di almeno un centinaio di episodi di maltrattamenti.

Le vittime sono tutte affette da una grave forma di autismo, e quindi non sono mai state in grado di parlare e di riferire le violenze subite.

Al termine delle attività investigative, la Procura della Repubblica di Bari, avvalendosi anche di una consulenza tecnica da parte di un esperto in psichiatria, rilevando l’estrema dannosità dei gesti anche con riferimento alle gravi patologie di cui le vittime soffrono, ha richiesto e ottenuto dal Gip del tribunale di Bari le misure cautelari degli arresti domiciliari che sono state eseguite dai militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *