Sei in: Home > Edizioni Locali > Bologna > Artigiano muore incastrato in pozzetto caldaia

Artigiano muore incastrato in pozzetto caldaia

 

 

Era andato nella scuola materna di Camugnano, sull’Appennino bolognese,. per riparare un guasto all’impianto di riscaldamento, ma è scivolato nel pozzetto interrato della caldaia dove è rimasto incastrato ed è morto.

La vittima dell’infortunio sul lavoro è un artigiano 50enne di Grizzana Morandi. L’uomo, titolare di un’azienda specializzata nella riparazione delle caldaie, era andato da solo verso le 19 a fare l’intervento nell’istituto scolastico di via dello Sport.
Dalla prima ricostruzione, si sarebbe infilato a testa in giù nella botte interrata di gasolio che alimenta la caldaia, per raggiungere alcune manopole, ma è scivolato all’interno non riuscendo più a muoversi. A trovare il corpo ormai senza vita dell’artigiano è stato il fratello, che verso le 22.30 ha raggiunto la scuola per andare a cercarlo, visto che non era più rientrato dal lavoro e non rispondeva al telefono, quindi i familiari si erano preoccupati.
L’uomo ha dato l’allarme al 118, intervenuto insieme a vigili del fuoco e carabinieri, ma per il 50enne non c’era più niente da fare. Le cause precise del decesso sono da accertare: l’artigiano potrebbe avere avuto un problema respiratorio, a causa della posizione a testa in giù o delle esalazioni, ma scivolando potrebbe avere anche battuto la testa, che presentava alcune escoriazioni. Per gli accertamenti sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Vergato e i funzionari della medicina del lavoro dell’Ausl.