Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Politica > Arriva la fibra ottica a Potenza

Arriva la fibra ottica a Potenza

Lunedì 5 agosto cominciano i lavori per dotare Potenza di una rete di telecomunicazione a banda ultra larga in fibra ottica.

Potenza si connette, e lo fa con la banda larga. Cominceranno lunedì 5 agosto i lavori per dotare la città di una rete di telecomunicazione a banda ultra larga integralmente in fibra ottica Open Fiber. Si comincia da via Roma e via Zara, per poi proseguire con via Pola, via Trieste, via Siena, via Angilla Vecchia e via Parma. Sono previsti lavori da 7,5 milioni di euro per il cablaggio, che coinvolgerà più di 21mila abitazioni per coprire una superficie di 13mila chilometri di fibra ottica. “I potentini potranno beneficiare di una velocità di connessione pari a 1 Gigabit al secondo che migliorerà le prestazioni non solo delle utenze domestiche, ma anche delle aziende e della pubblica amministrazione. Grazie alla modalità FTTH (Fiber To The Home, cioè la fibra ottica fino a casa) Open Fiber garantirà una qualità di connessione non raggiungibile nel capoluogo con le tecnologie attualmente in uso”, spiega il Comune.

I lavori proseguiranno per 18 mesi e coinvolgeranno tutta la città, comprese le periferie. “Gli scavi saranno effettuati privilegiando metodologie innovative e a basso impatto ambientale, del tipo ‘minitrincea’, con uno scavo largo dieci centimetri, che viene chiuso di volta in volta con malta cementizia e, successivamente a un periodo di assestamento dei materiali, asfaltato”. In tutto saranno effettuati scavi per 120 chilometri, affidandosi a strutture già esistenti per altri 58 chilometri. “Ritengo che a fronte di qualche difficoltà che pure potrà registrarsi, i benefici per tutti i potentini risulteranno notevoli e Potenza proseguirà quel percorso virtuoso che abbiamo intrapreso e che vuole rendere il capoluogo di regione una città bella, efficiente e in grado di guardare con fiducia al futuro”, ha detto il sindaco Mario Guarente, chiedendo pazienza ai cittadini per i disagi che i lavori potrebbero causare.