Sei in: Home > Edizioni Locali > Arrestati 5 impiegati pubblici a Cefalà Diana, slot e spesa durante ore di lavoro

Arrestati 5 impiegati pubblici a Cefalà Diana, slot e spesa durante ore di lavoro

Per due dipendenti comunali e tre del Coinres è scattato l’obbligo di presentazione giornaliero alla Polizia Giudiziaria

Ennesimo caso di assenteismo sul lavoro per sbrigare faccende personali. Questa volta è avvenuto a Cefalà Diana, Palermo, dove due dipendenti comunali e tre del consorzio intercomunale rifiuti, energia, servizi (Coinres) lasciavano la sede lavorativa, in orario d’ufficio, per giocare alle slot machine, badare agli animali domestici o per fare la spesa. I carabinieri della stazione di Villafrati hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare personale che impone l’obbligo di presentazione giornaliero alla polizia giudiziaria per i 5 dipendenti.

“In particolare – dicono dal comando provinciale – le risultanze investigative hanno permesso di rilevare come i dipendenti (inquadrati in diversi settori dell’Amministrazione comunale, come l’area Tecnica, l’Economato e gli Affari Generali, nonché del Coinres) mettessero in pratica sistematicamente le loro condotte fraudolente”. “Nel corso dell’inchiesta – hanno aggiunto i carabinieri – sono state vagliate anche le posizioni di altri 15 indagati, pubblici lavoratori di questi enti, la cui posizione personale è stata ritenuta meno pericolosa ai fini cautelari e le condotte penalmente rilevanti di lieve entità”.