Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Milano > Apre il tendone “Vacanze a Milano” e una centrale per i più deboli

Apre il tendone “Vacanze a Milano” e una centrale per i più deboli

Piano socialità, a Milano nasce il tendone “Vacanze a Milano” con una centrale operativa per assistere le persone più fragili.

Al via la seconda fase del ‘Piano socialità’ del Comune di Milano. In questa seconda fase il Comune si impegna a “monitorare e assistere le persone più fragili che, complici il caldo e le vacanze estive dei familiari, possono trovarsi in difficoltà o sentirsi più sole”, come spiegato in una nota. Per questo è stato fatto costruire un tendone di “Vacanze a Milano” in piazza del Cannone, ed è stata istituita una centrale operativa unica in via San Tomaso per gestire le richieste di intervento da parte dei cittadini in difficoltà. All’interno del tendone saranno organizzate diverse attività ludiche e ricreative per coloro che trascorreranno l’estate in città, tra cui musica, balli, tornei di carte, cabaret, gare di poesia e giochi. Il programma di attività continuerà fino al 1° settembre, dalle 15 alle 23 In questa seconda fase l’Assessorato alle Politiche sociali e abitative coinvolgerà anche i 78 comitati inquilini delle case popolari comunali, e le 23 Autogestioni, alle quali è stata inviata una lettera per chiedere collaborazione nel segnalare e gestire eventuali situazioni di difficoltà. Per richiedere un intervento basta telefonare al numero 800 777 888 attivo dalle 8 alle 19, sette giorni su sette.

“Crediamo moltissimo nella collaborazione virtuosa tra cittadini e istituzioni per la buona riuscita del piano socialità che quest’anno vedrà un’azione di sensibilizzazione molto più forte nelle case popolari, dove spesso si concentrano le fasce più fragili della popolazione”, ha detto l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti. “Quello messo in campo dal Comune di Milano è uno dei piani contro la solitudine e per la socialità più robusti realizzati in Italia, con il coinvolgimento di oltre mille operatori pubblici e privati”.