Sei in: Home > Articoli > Anche Apple viene colpita dal coronavirus.

Anche Apple viene colpita dal coronavirus.

Pirate button on computer keyboard.
image_pdfimage_print

Il produttore del Mac e iPhone ha annunciato la chiusura di tutti i suoi negozi in tutto il mondo, almeno fino al 27 marzo.

Apple, in quanto potente multinazionale di elettronica, è colpita dal coronavirus. L’eccezionale situazione ha portato l’inventore di Mac, iPad e iPhone a fare un nuovo passo: la chiusura, annunciata venerdì 13 marzo, di tutti i suoi negozi in tutto il mondo.

In questi templi di alto consumo tecnologico, con il suo design elegante, non saranno più aperti dal 27 marzo.

La chiusura di questi 507 negozi in tutto il mondo – di cui 271 negli Stati Uniti – inevitabilmente ridurrà il fatturato del gruppo. Anche se, ironia della sorte, i 42 negozi in Cina saranno gli unici a rimanere aperti a causa del miglioramento della situazione sanitaria sul campo.

Apple ha avvertito i mercati finanziari che non raggiungerà i suoi obiettivi finanziari per il trimestre in corso. Il 17 febbraio, il gruppo statunitense aveva già emesso un avviso, mettendo in discussione le sue previsioni pubblicate alla fine di gennaio. A quel tempo, la celebre azienda della silicon valley ha evidenziato due cause legate alla situazione in Cina, il primo paese ad essere colpito da coronavirus da dicembre. La produzione di iPhone sarà infatti “limitata” per un po ‘.

Il prodotto di punta di Apple è prodotto quasi esclusivamente in fabbriche di fornitori cinesi che impiegano quasi un milione di dipendenti, che hanno temporaneamente sospeso le loro attività. A metà febbraio, i siti di produzione avevano già riaperto, ma “stanno crescendo più velocemente del previsto”, ha detto l’azienda. Alcune carenze di offerta sono da aspettarsi, e alcuni osservatori ipotizzano che i lanci di nuovi prodotti, come i telefoni compatibili con il 5G, potrebbero essere ritardati.

L’altra ragione data da Apple è la “diminuzione della domanda” per i prodotti Apple in Cina, dove l’azienda ha 10.000 dipendenti. I negozi in loco, così come quelli di venditori di terze parti, sono stati chiusi prima di essere riaperti il 13 marzo. Il sonno temporaneo di tutti i negozi di tutto il mondo, insieme alla chiusura di rivenditori come Fnac o Darty in Francia.

L’evoluzione contcatenat di conseguenze dell’epidemia di coronavirus sul settore high tech determinerà se questa “unione sacra” degli osservatori economici continuerà.