Sei in: Home > Articoli > Ambiente > Abusivismo a Capri, continua l’inchiesta

Abusivismo a Capri, continua l’inchiesta

Perquisizioni negli uffici, sequestri di apparecchi elettronici e ordinanze di custodie cautelari: prosegue l’inchiesta contro l’abusivismo edilizio a Capri.

I Carabinieri della compagnia di Sorrento, guidati dal capitano Marco La Rovere, insieme ai militari della stazione di Capri continuano nel lavoro d’inchiesta sull’abusivismo a Capri. Questa mattina gli inquirenti hanno portato a termine alcune perquisizioni all’interno di uffici e hanno sequestrato diversi apparecchi e supporti elettronici, tra cui computer e altro materiale informatico. Al termine del blitz anti-abusivismo, l’architetto Massimo Stroscio ha seguito i Carabinieri presso la stazione di Capri, dove gli è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare che prevede alcune restrizioni.

L’indagine dei Carabinieri è coordinata dal procuratore Melillo e affidata ad un pool di magistrati che si occupano del caso Capri. L’inchiesta comprende anche altre persone, a cui è stata notificata un’ordinanza di misura cautelare. Le ordinanze restrittive sono state emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari, ed eseguite in mattinata. La pratica si riferisce ad alcuni lavori abusivi effettuati in una villetta di una zona residenziale dell’isola. L’operazione ha suscitato non poco scalpore in Piazzetta.