Streaming
Sei in: Home > Articoli > Curiosità > A tre anni dal sisma i comuni umbri inaugurano la fibra ottica

A tre anni dal sisma i comuni umbri inaugurano la fibra ottica

Sono passati tre anni da quel 24 agosto 2016, quando il terremoto del centro Italia ha spazzato via vite ed edifici. Piano piano si rinasce, e oggi in Umbria si inaugura l’internet super veloce.

“Penso non ci sia un modo migliore per ricordare oggi a Cascia ciò è accaduto il 24 agosto 2016”: lo ha detto il presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, che a tre anni dagli eventi sismici che hanno scosso l’Umbria, ha voluto essere presente oggi a Cascia per l’avvio dei lavori finalizzati a dotare il territorio del Comune di fibra ottica. Nel corso dell’incontro di presentazione del progetto – al quale hanno preso parte oltre al presidente Paparelli, il sindaco di Cascia, Mario De Carolis, con l’assessore comunale Daniela Benedetti, Marco Pacilio di Open Fiber Spa Area Territoriale Centro, il dirigente del Servizio Infrastrutture Tecnologiche digitali della Regione Umbria, Graziano Antonielli –  sono state fornite tutte le informazioni relative all’avvio dei lavori, nonché la tempistica(225 giorni a partire da oggi) e  le opportunità legate all’arrivo dell’infrastruttura tecnologica.

“Seppure con alcune difficoltà possiamo affermare che la ricostruzione in Umbria è stata avviata – ha detto il presidente Paparelli – La Valnerina è la zona che in Umbria ha più di altre subito il ‘Digital divide’ anche perché erano necessari importanti investimenti per la rete primaria di collegamento alla rete nazionale e Cascia in particolare, per la distribuzione geografica della popolazione, è uno dei Comuni che richiede più investimenti per unità immobiliare. Ma dotare questa città, così come tutte le aree interne, di infrastrutture telematiche è un passaggio necessario per evitare lo spopolamento e consentire alle imprese di essere competitive e di fare investimenti”. “Con l’arrivo della fibra ottica – ha aggiunto il sindaco di Cascia, de Carolis – possiamo guardare al futuro e stare al passo dei tempi”. In Umbria sono stati autorizzati i progetti di oltre il 90 per cento dei Comuni (sono in fase di chiusura le ultime due conferenze di servizi). Il primo Agosto 2019 il Comune umbro di Castel Giorgio è stato il primo in Italia, tra quelli del piano nazionale, nel quale è stata attivata la rete ed avviata la commercializzazione del servizio.