Sei in: Home > Edizioni Locali > Roma > A partire da agosto Ostia sarà pronta ad accogliere una pista ciclabile

A partire da agosto Ostia sarà pronta ad accogliere una pista ciclabile

image_pdfimage_print

Anche Ostia è pronta a rifarsi il look, e non solo per l’estate già iniziata. Dopo annunci, smentite e polemiche nella giornata di martedì si è segnata una svolta in merito alla nuova area ciclo pedonale sul lungomare.
La ciclabile non sarà attiva da luglio, così come preventivato, ma da agosto. Una data certa ancora non c’è, ma l’accordo tra Amministrazione (comunale e municipale), commercianti e balneari è stato trovato così come assicura Paolo Ferrara, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle: “È stato un summit positivo, tutte le parti sono rimaste soddisfatte e siamo pronti a partire”.

Le parole della sindaca Raggi

Ma come? Il progetto, in parte, sarà modificato, spiega Ferrara: “Il tratto ciclabile sarà lo stesso di quello annunciato in conferenza stampa dalla sindaca Virginia Raggi (dalla Rotonda a via Capitan Consalvo) ma cambieranno le modalità. La zona sarà sempre quella lato mare però la corsia non sarà intera ma divisa a metà, da una parte il traffico sarà regolare (direzione Rotonda) dall’altra (lato marciapiede) verrà fatta la ciclabile”. “Non sarà una di quelle ciclabili solo disegnate – continua Ferrara – Ci teniamo alla sicurezza. Verranno messi degli stalli divisori ad hoc, anche luminosi. Sarà una ciclabile fissa, rimarrà e, in sostanza, si collegherà a quella già esistente e arriva fino al Porto Turistico”. C’è però ancora da sistemare il nodo parcheggi: “Ci stiamo lavorando, non siamo preoccupati e abbiamo già delle idee”, assicura.

Non solo la ciclabile

L’ex capogruppo nel X Municipio si sbilancia anche sulla data di inaugurazione: “Speriamo sia attiva da Ferragosto così che i romani e i residenti possano godere dell’estate. Il nostro obiettivo, come abbiamo già ripetuto, è quello di creare alternative per la mobilità e, perché no, anche delle alternative alla giornata in spiaggia o in pineta. Poi ad ottobre ci rincontreremo con le parti in causa per stabilire come gestire il tutto anche in autunno e inverno”.

Non solo ciclabile però. “Oltre alla pista, sul lungomare faremo anche degli square con aree giochi per bambini e zone sport con attrezzi pubblici da palestra che saranno fissati. In più da luglio contiamo di portare ad Ostia lo sharing dei monopattini coinvolgendo tutti gli operatori già attivi ora e coinvolti da Roma Capitale”.

Le parole dei commercianti e del comitato di quartiere

All’incontro ha partecipato anche Armando Vitali, presidente di Ascom, l’associazione che rappresenta gran parte dei commercianti del X Municipio: “L’Amministrazione è stata collaborativa ascoltando le nostre perplessità – sottolinea al nostro quotidiano senza nascondere però alcuni dubbi – Abbiamo trovato una quadratura di massima ma siamo scettici che tutto possa iniziare il 15 agosto. Fosse per noi preferiamo che si possa partite da settembre, o dopo le scuole. Abbiamo ancora timori, non tanto sulla ciclabile quanto sul piano di viabilità alternativa e parcheggi. Il rischio è scoraggiare chi da Roma vuole venire ad Ostia”.
Le perplessità, non sulla realizzazione ma sulla data di inizio della zona ciclabile, vengono condivise anche commercianti rappresentati da Roma Produttiva che si sono riservati di votare pro o contro l’inizio delle ciclabile per il 15 agosto.

Scettici, invece sulla zona prese in considerazione per la zona ciclabile, alcuni residenti di Ostia. Il Comitato di Quartiere Lido Centro, infatti, ha protocollato una proposta alternativa.

La zona senza macchina, secondo il Cdq, dovrebbe essere quella del Lungomare Duca degli Abbruzzi (dal Porto all’ex Faber): “Lì non c’è il Lungomuro e si può vedere il mare passeggiando. Le aree ombra già ci sono, andrebbero solo ripristinati i teli. Lo scorrimento tra le complanari (via Cristoforo Colombo e via del mare) non verrebbe penalizzato e c’è un numero inferiore di esercizi commerciali rispetto a levante, di conseguenza ci sarebbero minori problemi di traffico”.

La proposta al momento, non sarebbe stata presa in esame perché, come fa sapere l’amministrazione pentastellata, la “ciclabile lì già c’è”, una di quelle disegnate al fianco del marciapiede.