Sei in: Home / Archivio / R.G.E. 514/2015

R.G.E. 514/2015

TRIBUNALE DI GENOVA

ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G.E. 514/2015

II AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE

Il sottoscritto Notaio Alessandro Corsi, con studio in Genova Via G. D’Annunzio 2/12, professionista delegato alla vendita dal Sig. Giudice delle Esecuzioni Immobiliari Dott.ssa Paola Zampieri ex art. 591 bis c.p.c. in data 14 febbraio 2017 nel procedimento esecutivo n. 514/2015 R.E., a norma dell’art. 490 c.p.c.

AVVISA

che il giorno 14 novembre 2018 alle ore 15.00, presso l’Aula 46 piano III del Tribunale di Genova, Piazza Portoria n. 1, svolgerà la vendita telematica sincrona a partecipazione mista, nel rispetto della normativa regolamentare di cui all’art. 161 ter disp. att. c.p.c., nonché in base al decreto del Ministro della Giustizia 26 febbraio 2015, n. 32., sarà posto in vendita senza incanto il seguente immobile:

LOTTO UNICO: In Comune di Genova – zona Lagaccio – piena proprietà dell’appartamento facente parte dell’edificio sito in Via del Lagaccio civico n. 34B distinto con il numero interno 14 della scala A, posto al piano terzo , composto da corridoio, una camera, una cucina abitabile, un locale igienico sanitario con annesso terrazzo di circa mq 8,60. La superficie lorda commerciale dell’appartamento è di circa mq. 46,52. L’appartamento confina a nord con appartamento int. 13 dello stesso stabile, ad est con appartamento int. 13 dello stesso stabile, a sud con muri perimetrali su vano scala, ad ovest con muri perimetrali su distacco. L’immobile è censito al Catasto Fabbricati del Comune di Genova con i seguenti dati: Sez. GEC, foglio 11, mapp. 1253 (già mappale 725), sub. 15, cat. A/3, classe 3, consistenza vani 3, R.C. Euro 426,08.

STATO DI OCCUPAZIONE: L’immobile, come indicato nella relazione di stima alla quale espressamente si rimanda, risulta occupato dall’esecutato e dalla sua famiglia.

PREZZO BASE: € 28.912,00 (EURO VENTOTTOMILANOVECENTODODICI/00),
OFFERTA MINIMA: € 21.684,00 (EURO VENTUNMILASEICENTOOTTANTAQUATTRO), PARI AL 75% DEL PREZZO BASE.
CAUZIONE: PARI AL 10% DEL PREZZO OFFERTO.
RILANCIO MINIMO DI GARA: € 1.000,00 (EURO MILLE)
Si precisa che in fase di rilancio in aumento in caso di gara non è consentito l’inserimento di importi con decimali.
PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA CARTACEA

Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa, presso lo studio del professionista Delegato in Genova (GE), Via D’Annunzio n. 2/12., entro le ore 12:00 del giorno 13/11/2018 (antecedente a quello dell’udienza di vendita). L’offerente dovrà versare anticipatamente, a titolo di cauzione, una somma almeno pari al dieci percento (10%) del prezzo offerto, esclusivamente tramite bonifico bancario sul conto corrente bancario
intestato al “Tribunale di Genova R.E. 514/15“.

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA TELEMATICA

L’offerta di acquisto deve essere presentata tramite il modulo web “Offerta Telematica” messo a disposizione dal Ministero della Giustizia, che permette la compilazione guidata dell’offerta telematica per partecipare ad un determinato esperimento di vendita, ed a cui è possibile accedere dalla scheda del lotto in vendita presente sul portale www.astetelematiche.it. Dal modulo web è scaricabile il “manuale utente per la presentazione dell’offerta telematica”. L’offerta d’acquisto telematica ed i relativi documenti allegati dovrà essere inviata all’indirizzo PEC del Ministero della Giustizia offertapvp.dgsia@giustiziacert.it e si intenderà depositata nel momento in cui viene generata la ricevuta completa di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia. L’offerente per essere ammesso alla vendita telematica, deve comprovare l’avvenuta costituzione della cauzione a garanzia dell’offerta. Ciascun offerente telematico, per essere ammesso alla vendita telematica, dovrà versare anticipatamente, a titolo di cauzione, una somma almeno pari al dieci per cento (10%) del prezzo offerto, esclusivamente tramite bonifico bancario sul conto corrente bancario intestato al “Tribunale di Genova R.E. 514/15” al seguente IBAN IT82 R 01015 01400 000070629922, e tale importo sarà trattenuto in caso di rifiuto dell’acquisto. Onde consentire il corretto accredito della cauzione sul suddetto conto il bonifico deve essere effettuato in tempo utile per risultare accreditato sul conto corrente intestato alla procedura allo scadere del termine ultimo per la presentazione delle offerte. Il bonifico, con causale “Proc. Esecutiva RE n. 514/15 Lotto unico, versamento cauzione”, dovrà essere effettuato in modo tale che l’accredito delle somme abbia luogo entro il giorno precedente
l’udienza di vendita telematica.

Per quanto concerne la regolarità edilizia, urbanistica e catastale, l’abitabilità, nonché la descrizione
dettagliata del bene, si rimanda alla relazione di stima del CTU Arch. Cristina Fresia, pubblicata sui siti
internet www.astegiudiziarie.it, www.cambiocasa.it, www.genovaogginotizie.itwww.tribunaliitaliani, www.immobiliare.it, www.entietribunali.it e www.genova.repubblica.it www.dobank.com, www.venditegiudiziali.eu nonché sul portale delle vendite pubbliche del Ministero della Giustizia all’indirizzo pvp.giustizia.it che deve essere consultata dall’offerente ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concernel’esistenza di eventuali oneri, pesi ed ulteriori vincoli a qualsiasi titolo gravanti sull’immobile stesso.

Per maggiori informazioni e visita degli immobili e per ogni ulteriore informazione contattare il Custode
SO.VE.MO S.R.L., con studio in Genova, Corso Europa n. 139 (Email visitegenova@sovemo.com
Tel.:010/5299253), ovvero presso lo studio del professionista Delegato, Notaio Alessandro Corsi, in
Genova, Via G. D’Annunzio n. 2/12 (Tel.: 010/565707; Fax: 010/589625).

SI SEGNALA CHE PER LA VENDITA DEL PRESENTE IMMOBILE IL TRIBUNALE NON SI AVVALE DI MEDIATORI E CHE NESSUN COMPENSO PER MEDIAZIONE DEVE ESSERE DATO AD AGENZIE IMMOBILIARI.

Check Also

R.G.E. 153/2014 – lotto uno –

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA ESECUTIVA N. 153/2014 R.G.E. Il sottoscritto Rag. Riccardo …