Sei in: Home > Articoli > Cronaca > 37 casi in Umbria, ma ci si prepara all’impennata

37 casi in Umbria, ma ci si prepara all’impennata

Il fatto che il numero dei casi in Umbria resti contenuto non vuol dire che non potrebbe aumentare all’improvviso, e la regione è a corto di attrezzature e personale.

Sono 37 le persone che in Umbria risultano positive al coronavirus in base ai dati aggiornati alla mezzanotte del 9 marzo dalla Regione. Il nove marzo erano 28. I soggetti positivi sono 23 nella provincia di Perugia e 14 in quella di Terni. Sono ricoverati in 10, due in terapia intensiva all’ospedale di Perugia, tre nel reparto di malattie infettive di Terni e cinque in quello di Perugia. Le persone in osservazione sono 769: 445 nella provincia di Perugia e 324 in quella di Terni. Nel complesso entro le ore 24 del 9 marzo, sono stati eseguiti 256 tamponi. Sempre alla stessa data risultano 163 soggetti usciti dall’isolamento, 43 nella provincia di Perugia e 27 in quella di Terni. 

In Umbria la situazione legata al coronavirus “è ancora sotto controllo e per ora non desta particolare criticità, ma ci stiamo preparando ad eventuali impennate come purtroppo è successo nelle Marche. Gli ospedali di Branca e Pantalla saranno dedicati all’emergenza”. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto, intervenuto in Assemblea legislativa.

Dopo avere ricordato i 37 casi positivi registrati, Coletto ha spiegato che è stato trasmesso al Governo il dato relativo al bisogno di personale. “In Umbria – ha sostenuto – servono 326 dipendenti sanitari, 154 infermieri, 37 oss, 19 radiologi, tre tecnici di laboratorio, 26 anestesisti, 14 pneumologi, 13 infettivologi, 12 cardiologi, 15 internisti, 24 emergenza-urgenza e nove autisti. Abbiamo previsto l’attivazione di otto posti letto di area critica e la creazione di 26 di terapia intensiva dedicati. Per attivarli servono 34 apparecchi per il monitoraggio dei pazienti, 35 fissi per la ventilazione forzata e 11 trasportabili”.