ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
[wpdts-weekday-name] [wpdts-date]

EDIZIONI REGIONALI

Solo notizie convalidate

EDIZIONI REGIONALI

Viterbo – Manlio Dovì ospite del Teatro amatoriale Fita

Viterbo – Sabato 4 dicembre alle 21 La compagine sul palco del teatro San Leonardo con lo spettacolo La nöt che Garibaldi e vulè ins la lôna di Paolo Parmiani.

In una scuola elementare di campagna si ritrovano gli ex alunni di un quarantennio addietro e, sotto la guida di uno di loro, divenuto a sua volta maestro, ripercorrono le tappe, anche quelle sentimentali, della loro esistenza. Ma nulla che riporti alla nostalgia o al rimpianto.

È la storia ad essere messa a fuoco: quella dei grandi e quasi sempre dei dolorosi avvenimenti dell’umanità a confronto con quella individuale, più riposta e meno chiassosa, ma indubbiamente più autentica e sincera.

Vengono così chiamati in causa i famosi personaggi che hanno percorso nel corso dei secoli e per qualche ragione, le strade di Romagna: Giulio Cesare, Dante Alighieri, Napoleone, Mussolini, oltre naturalmente a Giuseppe Garibaldi.

Si sorride in fondo delle loro “grandi” vicende, che paragonate a quelle degli ormai adulti scolaretti, non sempre, o quasi mai, ci fanno migliore figura. Alla fine la luna illumina della sua pallida luce l’interno di quell’aula, dove quarant’anni prima aveva avuto inizio un viaggio che forse non ha portato da nessuna parte, ma che è comunque arrivato certamente in fondo al cuore dei suoi protagonisti.

 

Domenica 5 dicembre sempre al teatro San Leonardo alla presenza del sindaco di Viterbo Giulio Marini, del Presidente della provincia di Viterbo Marcello Meroi, degli assessori comunali e provinciali allo spettacolo e alla cultura e di tutto il Consiglio Nazionale della Fita, con inizio alle 17 verranno assegnati i premi di questa eccezionale quindicesima edizione. La serata di gala, organizzata dalla FITA unitamente al Comune ed alla Provincia di Viterbo, enti che da anni sostengono il teatro con iniziative a livello locale, nazionale ed internazionale, vuole essere un riconoscimento a quanti dedicano al teatro stesso tempo ed energie.

Nell’ambito della serata saranno assegnati i seguenti premi:
Premio Città di Viterbo – Migliore attore e attrice protagonisti – Migliore attore e attrice non protagonisti – Migliore regista – Migliore allestimento scenografico, oltre ad altri premi a giudizio della giuria.

I riconoscimenti saranno consegnati oltre che dalle autorità cittadine anche da esponenti del mondo della cultura e dello spettacolo, è prevista infatti la partecipazione dell’attore comico imitatore Manlio Dovì noto al pubblico televisivo per la sua costante partecipazione al Bagaglino con Pingitore. Il premio Città di Viterbo è una fusione originale in bronzo che riproduce il leone, simbolo della città di Viterbo, dell’artista viterbese Roberto Joppolo.

Al termine della premiazione, la compagnia Algazara Teatro di Plasencia- Spagna presenterà un’opera di Eugène Ionesco dal titolo La lezione per la regia di Jose Manuel Mendez Franco.

Un classico del teatro contemporaneo, una storia semplice e lineare per descrivere, esprimere, denunciare divertire lo spettatore che si troverà immerso in un gioco fatto di parole, incongruenze e paradossi attraverso un linguaggio che non comunica ma che crea un ritmo incalzante ed aggressivo.

Appuntamento finale quindi per il teatro Fita domenica 5 dicembre alle 17 al teatro San Leonardo.

Facebook