ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 22 Maggio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Morto Fernando Pucci: test alfa nel caso del Mostro di Firenze

A San Casciano (Firenze) in uno spizio è morto, all'età di 86 anni per cause naturali, Fernando Pucci.
Si tratta del test alfa del duplice omicidio di Scoperti (1985).
Ultimo dei ‘compagni di merende’ di Pietro Pacciani, Mario Vanni e Giancarlo Lotti con la sua testimonianza confermò il racconto di Lotti, il pentito che fece partire le indagini che dal 1995-96 seguirono la tesi del ‘team omicida’.
Dichiarato oligofrenico (forma di deficienza mentale che concerne l'assenza o ritardo di acquisizione delle abilità verbali impressive ed espressive) nel 1983, Pucci fu comunque ritenuto un testimone attendibile. Chiamato in causa da Lotti, Pucci confermò la presenza di Pacciani e Vanni a Scopeti e disse di aver visto Pacciani con la pistola su un lato della tenda dei francesi, Vanni con un coltello su un altro lato, e che Pacciani e Vanni minacciarono lui e Lotti di andarsene per non essere uccisi a loro volta.
Sul caso del mostro di Firenze e dei duplici omicidi delle coppiette ancora tanti sono gli interrogativi aperti ed ancora oggi si continua ad indagare.
Per alcuni dei delitti, ricondotti al mostro, sono stati condannati in via definitiva Mario Vanni e Giancarlo Lotti, accusati di essere gli esecutori materiali di quattro dei duplici omicidi.
Pietro Pacciani, morì poi in attesa di giudizio, dopo una condanna in primo grado, un’assoluzione in appello e un annullamento della Cassazione. 

Esecuzioni Immobiliari

Visualizza tutte le vendite giudiziarie pubblicate su ogginotizie.it di:

Servizio Bancomat Internazionale

Assistenza Tecnica Installazione ATM

A Sostegno del Paese

Le Tre Storie Capitali

a cura di

Sondaggi

Opinioni

Dai un voto

Dai un'opinione

Effettua una ricerca

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Meteo

Oroscopo

Mercati Finanziari

Offerto da Investing.com

Sosteniamo...

L'angolo delle rimembranze...