ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
sabato 28 Maggio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Ufficializzata la possibilità di introdurre apicolture di origini Italiane sulla catena montuosa dell' Himalaya

Il Dipartimento dell’agricoltura Indiana con sede presso l'Azienda Sperimentale Hawalbagh di Almora ha condotto una ricerca sulla produttività e resistenza a basse temperature delle Api Italiane. Da tempo, è nota, la qualità intrinseca alle caratteristiche delle api italiane più grandi e produttive, che hanno reso l’Italia la nazione capofila nella produzione del miele, anche grazie al clima meridionale, perfetto per questo tipo di coltivazione. Ciò che fino ad ora ha impedito agli apicoltori indiani di allevare le api italiane, è stata l’altitudine delle montagne dell’Himalaya, a cui si pensava non sarebbero sopravvissute le specie di animali suddette.

La ricerca condotta dal Dipartimento indiano per l'agricoltura di Vivekanand Parvatiya Krishi Anusandhan Sansthan (VPKAS) sgretola questa forma mentis. L' esperimento condotto presso l'Azienda Sperimentale Hawalbagh di Almora ad un'altitudine di 1250 metri sopra il livello del mare, dimostra come le Api Italiane oltre ad essere più produttive di quelle indiane, siano capaci di resistere a climi e temperature più rigide rispetto ai loro luoghi di nascita. Infatti, i dati hanno mostrato, che ogni colonia di api italiane produce una quantità di miele quattro volte superiore a quella delle api indiane. Uno fra gli scienziati partecipanti alla ricerca, il Prof. Dibakar Mahanta, ci tiene a precisare la differente cura e nutrizione necessaria alle apicolture italiane per la loro sopravvivenza : “Quando la stagione dei fiori è finita, le api dipendono per il cibo proprio dal miele. Le api italiane sono più grandi in termini di dimensioni e terminano il loro miele più velocemente. La loro dieta deve essere pertanto integrata con cibi alternativi come lo zucchero e nettari di fiori. Allo stesso tempo, poichè sono meno aggressive, devono essere protette dai predatori come le vespe.”.

La nuova scoperta darà la possibilità alle tribù nepalesi di affiancare alle apicolture indiane quelle italiani incoraggiando l’economia locale. Il miele, in quelle zone, è molto richiesto dalla popolazione cinese, giapponese e coreana, che lo utilizzano come farmaco. Inoltre, questo alimento porterà ad un maggior afflusso di turisti sulla catena dell’Himalaya, grazie alla possibilità data ai viaggiatori di assistere alla fiorente attività delle Api.

Esecuzioni Immobiliari

Visualizza tutte le vendite giudiziarie pubblicate su ogginotizie.it di:

Servizio Bancomat Internazionale

Assistenza Tecnica Installazione ATM

A Sostegno del Paese

Le Tre Storie Capitali

a cura di

Sondaggi

Opinioni

Dai un voto

Dai un'opinione

Effettua una ricerca

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Meteo

Oroscopo

Mercati Finanziari

Offerto da Investing.com

Sosteniamo...

L'angolo delle rimembranze...